Milazzo, scoperto pescatore di frodo: sequestrati 250 chili di tonno rosso

22 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Un diportista che con attrezzatura non consentita stava effettuando pesca illegale di tonno rosso è stato colto in flagranza dalla motovedetta V. 2072, della sezione operativa navale della guardia di finanza di Milazzo.

Gli ultimi decreti del presidente del Consiglio e le successive norme regionali per contenere e gestire l’emergenza epidemiologica da Covid- 19, hanno regolamentato anche il settore della nautica, consentendo ai diportisti di prendere il largo per esercitare la pesca ricreativa, fatto salvo il rispetto delle norme vigenti che disciplinano il settore della nautica.

Ciò non è accaduto la notte scorsa, quando i finanzieri di mare di Milazzo hanno scoperto in un diportista della zona che, munito di attrezzatura non consentita (un parangale con oltre 250 ami), aveva appena catturato due esemplari di tonno rosso del peso di circa 250 chili che sarebbero stati destinati alla vendita in violazione delle nome di tracciabilità, idonietà sanitaria e leale concorrenza in danno dei pescatori professionali muniti delle necessarie autorizzazioni.

Attrezzature e i due esemplari di tornno sono stati sequestrati. Le attrezzature verranno successivamente distrutte mentre il pescato, giudicato idoneo al consumo umano da parte del competente ufficio veterinario dell’Asl di Milazzo, è stato donato in beneficenza del comprensorio mamertino.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione