Raid vandalico in parco letterario Quasimodo a Roccalumera

25 Maggio 2020 Culture

Ignoti si sono introdotti la scorsa notte nella sede del Parco Letterario Quasimodo di Roccalumera, devastando parte della struttura e causando danni per migliaia di euro. “I malviventi – spiega l’avvocato Sergio Mastroeni, cofondatore del Parco – si sono introdotti nell’area, situata a fianco della stazione ferroviaria, e hanno distrutto alcune vetrate lungo il perimetro della struttura coperta utilizzata per eventi e incontri culturali, svuotando anche alcuni estintori all’interno. Gli attentatori hanno utilizzato probabilmente una mazza per spaccare le lastre blindate e dunque sono entrati al Parco letterario, con l’intento di distruggere il più possibile”.
“Già nei mesi scorsi avevamo subito danni quando qualcuno aveva spaccato delle porte interne e rubato televisori, decoder e un registratore di cassa dalla zona ristorante in disuso, devastando alcuni locali – racconta il fratello Carlo Mastroeni – è in quell’occasione era stato messo fuori uso anche l’impianto di videosorveglianza”. L’attentato è stato denunciato ai carabinieri. Il Parco Letterario Quasimodo ha sede nella dismessa stazione ferroviaria a ricordo della professione del padre Gaetano che era capostazione e del nonno Vincenzo, per anni vice sindaco di Roccalumera. Il museo, ospitato all’interno dei locali della stazione Fs, conserva documenti, mobili, cimeli appartenuti a Quasimodo, tra cui la Laurea Honoris Causa dell’Università di Messina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione