Morte lavoratore edile a Venetico, il cordoglio della Filca Cisl Messina. «Non è immaginabile che un sessantenne sia costretto ad operare su una impalcatura»

27 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Si trovava su un’impalcatura l’operaio di 62 anni, Vito Cambria, che oggi ha perso la vita a Venetico.  Le cause, tutte da accertare, sono al vaglio degli inquirenti che hanno sequestrato i luoghi disponendo l’autopsia sul corpo dell’uomo. Da quanto emerge, gli operai della ditta nella mattinata di oggi si erano recati in cantiere per prendere dei mezzi (due escavatori). Da una prima ricostruzione pare che Cambria si sia allontanato, raggiungendo una zona interna del deposito e successivamente sia stato ritrovato a terra dai colleghi in una pozza di sangue.

L’uomo, lavoratore presso una ditta edile, ha avuto un incidente mentre stava lavorando e sulla questione interviene la Filca Cisl Messina.

“Vicinanza alla famiglia e dolore per la scomparsa del lavoratore edile avvenuta nella giornata di oggi a Venetico”. È la Filca Cisl di Messina, attraverso il segretario generale Giuseppe Famiano, ad esprimere il proprio cordoglio per quanto avvenuto.

«Ancora oggi è difficile immaginare che un lavoratore sia costretto ad operare su una impalcatura a 60 anni – afferma Famiano – le leggi in vigore dovrebbero tenere in considerazione la specificità e il rischio del lavoro edile».

La Filca Cisl Messina, da tempo, tiene accesi i riflettori sulla sicurezza nei cantieri sollecitando Inail, Ispettorato del Lavoro e Asp ad effettuare controlli a tappeto nei cantieri. «Soprattutto quelli privati – spiega Famiano – perché è necessario contrastare il lavoro nero e prevenire gli infortuni nei luoghi di lavoro».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione