Sebastiano Ardita: ”Su fenomeno corruzione una percezione scarsa”

31 Maggio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Il consigliere togato del Csm è intervenuto in diretta streaming alla presentazione del libro “Dialogo sulla corruzione”.

“Quello della corruzione è un fenomeno di cui in Italia c’è una scarsa percezione, laddove si vuole tenere sotto silenzio l’indicazione di organi internazionali, come Transparency, che evidenziano come questo fenomeno si sia evoluto radicandosi in un sistema burocratico-politico italiano. Per cui non mi stupisce che non sia stata utilizzata una chiave di lettura non burocratica su questa vicenda”. E’ così che è intervenuto il consigliere togato del Csm, Sebastiano Ardita, già procuratore aggiunto a Messina, durante la presentazione del libro “Dialogo sulla corruzione”, scritto da Michele Pennisi e Claudio Sammartino. L’incontro-dibattito è stato trasmesso in diretta streaming su Facebook in collaborazione con “Sicilian Post”. Secondo il pm “è un bene” che nel confortato alla corruzione “ci siano strutture come l’ANAC”, ma chi le dirige deve “l’anima di saper dove guardare oltre le forme e le carte, e non che non sa dove si trova il problema”. “Come ricorda monsignor Pennisi è inutile rifugiare la Chiesa dietro uno spazio sacramentale di fede, – ha aggiunto – perché ognuno la fede se la fa a modo proprio. Se uno vuole incidere, se quando ha davanti a sé una situazione sporca di personaggi borderline, c’è bisogno dirli io non ti do i sacramenti, compiere un atto di rottura”.
Per il magistrato il fenomeno della corruzione in Italia non è contrastato adeguatamente. “Sul piano normativo non c’è una risposta completa di fronte al fenomeno, – ha detto – perché c’è una grande confusione e quindi noi abbiamo due tipi di carenze di una normazione, che sia capace di superare le pastoie burocratiche, di dare linfa a una amministrazione attiva, di gente attenta che sa vedere gli impicci, di vedere dietro quale azienda c’è la mafia”. E proprio il rapporto tra mafia e corruzione “è molto determinato nelle parole di Pennisi e Sammartino” in quanto “questi due fenomeni sono molto incrociati”. “Il vero problema nel nostro Paese è il fatto – ha continuato il consigliere togato – che non si riesce a dare una risposta seria a questo problema, perché fino adesso si è andati avanti da un punto di vista emozionale”. Quindi, secondo Ardita, “occorre operare in modo incisivo e per questo si è cercato di introdurre degli strumenti processuali, le intercettazioni, come c’è stata una riforma importante in quest’ultima legislatura” degli strumenti che “vanno bene fino a un certo punto perché se poi diventa una sorta di omogenizzazione per cui lo stesso regime vieta i benefici penitenziari, si impedisce a un detenuto di andare in misura alternativa, se c’è un reato contro la pubblica amministrazione potrebbe essere un errore”. Perché molto spesso “quando si appesantisce l’azione di contrasto ci sono poi dei contraccolpi anche in sede europea e non sempre si ottiene quello che si vorrebbe e la risposta è data da quello che è accaduto nelle vicende carcerarie e quindi di assistere a una libera per tutti rispetto a delle realtà complesse. – ha proseguito il magistrato – Davanti alle rivolte lo Stato non è riuscito a tenere la barra dritta”.

Il contrasto alla corruzione
dialogo sulla corruzione

 

Secondo il pm antimafia oggi “nei reati di mafia ad esempio ci sono i giovani nei confronti dei quali si fa poco o nulla e non c’è attenzione alla loro condizione sociale”. Quindi quello che bisogna fare per contrastare la corruzione è la prevenzione: “Nella fase che è fatta anche della formazione di persone che sanno resistere alla corruzione, quello che molte volte non si riesce a formare è una classe dirigente che sa resistere”. Nelle scuole di formazione dei pubblici ufficiali, secondo Ardita, “non c’è questa concezione”. “I giovani pubblici ufficiali – ha aggiunto – non vengono educati allo sviluppo della propria attività con disciplina ed onore, come dice la Costituzione non li si inculca il fatto che si sta operando per una funzione pubblica dello Stato ed è un argomento che fa pandan con l’incapacità dello stato di reprimere. Non siamo capaci di intercettare i fenomeni quando essi nascono”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione