Aids, fissata l’udienza preliminare sull’untore di Messina: scoperto un altro caso a Verona

5 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

Si aprirà il 3 luglio prossimo l’udienza preliminare per la clamorosa inchiesta sull’untore sieropositivo di Messina che negli anni scorsi ha contagiato alcune sue compagne ed è accusato di averne uccisa una.

C’è una data ufficiale quindi – come scrive Nuccio Anselmo su Gazzetta del Sud – dopo la richiesta di rinvio a giudizio depositata nei mesi scorsi dal pm Roberto Conte. Si tratta del 55enne messinese L.D.D., affetto da Hiv, arrestato a settembre scorso con l’accusa d’omicidio per aver infettato la compagna, poi deceduta tra atroci sofferenze, l’avvocato messinese S. G., spirata nel luglio del 2017 a 45 anni.

La donna non fu curata per l’Aids contratto dal partner, patologia che non fu mai diagnosticata, e per questo aspetto c’è una seconda inchiesta a carico dei medici che la seguirono durante la malattia. L’uomo si trova attualmente agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

E tra i capi d’accusa adesso viene contestato all’uomo anche un caso di lesioni gravi, per aver trasmesso la sieropositivà ad una donna di Verona, con la quale ebbe una relazione.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione