MESSINA: Operazione Tunnel, 8 condanne anche in appello

5 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

Confermate anche in appello le 8 condanne per la banda di spacciatori italo-albanesi che aveva base a Mangialupi, quartiere-fortino di Messina, sgominata con l’operazione antidroga Tunnel.

La Corte d’Appello di Messina (presidente Tripodi) ha confermato la responsabilità di tutti gli 8 imputati coinvolti nel giro di droga scoperto dalla Polizia, rivedendo in qualche passaggio la sentenza di primo grado, emessa ad ottobre scorso dal Gup Maria Militello.

I giudici di secondo grado hanno fatto cadere infatti, per tutti, l’accusa di associazione armata e hanno ridotto le condanne decise. Ecco nel dettaglio il verdetto: 16 anni a Santino Di Pietro, 11 anni a Francesco Delia, 12 anni ad Antonino Ieni, 9 anni a Francesco Di Giovanni, 6 anni a Domenico Pappalardo, 8 anni a Ernard Hoxha.

I giudici hanno scagionato Andrea Caporlingua dall’accusa più pesante, e hanno rideterminato la pena per l’imputazione residua a 2 anni; il ragazzo è stato scarcerato e da oggi ha soltanto l’obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria. E’ difeso dall’avvocato Alessandro Billè.

Nessuno sconto di pena, invece per Rito Mecaj, per cui è stata confermata in toto la condanna a 2 anni e 8 mesi decisa in primo grado.

Il blitz della Polizia è scattato a luglio dello scorso anno con 12 arresti nel rione Mangialupi.

Impegnati nelle difese anche gli avvocati Salvatore Silvestro, Giuseppe Donato, Nunzio Rosso, Salvatore Stroscio, Antonello Scordo e Tino Celi.

 

LEGGI ANCHE

Messina, Operazione antimafia Tunnel: Pesanti condanne alla banda di spacciatori italo-albanese di Mangialupi a Messina. Otto pesanti condanne

 

FOTO, NOMI e VIDEO: Operazione “Tunnel” contro il traffico di droga, eseguite 13 arresti dalla Polizia

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione