Messina, bandierone rainbow al Municipio per celebrare lo Stretto Pride 2020 cancellato dal Covid-19

6 Giugno 2020 Cronaca di Messina

Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi a Messina si sarebbe tenuto l’atteso Stretto Pride 2020. Per celebrare l’evento purtroppo sfumato, e ribadire la vicinanza alla comunità LGBT, un drappo arcobaleno è stato calato dal balcone di Palazzo Zanca, sede del Municipio di Messina e della giunta e consiglio comunale.

Presenti, come comunicato da Lettera Emme che ha pubblicato le immagini, Alfredo Mangano di Volt Messina e i consiglieri comunali Alessandro Russo, Antonella Russo, Cristina Cannistrà e Gaetano Gennaro. “La decisione – hanno spiegato gli organizzatori dello Stretto Pride 2020 – deriva dalla volontà di essere solidali con la popolazione per le gravi sofferenze causate dall’epidemia. Il coordinamento vuole quindi mostrare vicinanza a coloro che hanno sofferto o patito un lutto. Il Pride si sarebbe dovuto tenere a Messina il 6 Giugno e avrebbe dato il via all’Onda Pride siciliana. L’impegno profuso, che trova la sua origine simbolica nei Moti di Stonewall del 1969, non sarà vano, nonostante l’impossibilità fisica di riunirci”.

Centinaia i Pride cancellati in tutto il mondo a causa del Coronavirus. Il 27 giugno, in loro ‘sostituzione’, si terrà il Global Pride, primo storico pride on line che vedrà decine e decine di città collegate da tutto il mondo. Italia compresa.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione