I DETTAGLI – Tratta di giovani nigeriane: 10 arresti a Messina, Catania e in altre zone d’Italia

12 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

Giovani, giovanissime nigeriane, rese schiave e vendute in Italia, considerata dalle vittime come la ‘terra promessa’, ma diventata il prolungamento del loro inferno. Sono dieci i migranti arrestati tra Catania, Messina, Caltanissetta, Verona, Novara e Cuneo nell’operazione anti-tratta «Promise land», condotta dalla polizia di Stato e coordinata dalla procura di Catania. Le indagini della Squadra mobile sono scaturite dallo sbarco del 7 aprile 2017, presso il porto di Catania, dalla «Aquarius» della ong Sos Mediteranee. Svelato un traffico di giovani donne nigeriana.

Ai dieci (complessivamente sono 14 le persone indicate nell’ordinanza, ma 4 sono irreperibili) sono state contestate anche le aggravanti della transnazionalità del reato, di avere agito mediante minaccia attuata attraverso il rito del voodoo. Alle vittime, talvolta minorenni, non veniva detto che sarebbero state avviate alla prostituzione, ma piuttosto che avrebbero avuto un lavoro legale.

L’indagine è partita dalle dichiarazioni di una giovane nigeriana giunta il 7 aprile di tre anni fa insieme ad altri 433 migranti a Catania. Era stata individuata dal team di investigatori della Sezione Criminalità straniera, specializzato nella cosidetta «early identification» di presunte vittime di tratta. Interrogata, ha detto di avere lasciato il suo paese perchè convinta da un connazionale di nome Osas, che le aveva proposto di raggiungerlo in Italia, promettendole un lavoro lecito e anticipandole le spese del viaggio.

Del gruppo faceva parte una componente ‘italiana’ costituita da Osazee Obaswon, detto Ozed, il capo indiscusso, William Tessy. detta Silvia, James Arasomwan; una componente nigeriana (i familiari di alcuni degli indagati e altri con il ruolo di reclutatori); una componente libica (costituita dal connection man, ai quali ci si rivolgeva per il trasferimento via mare.

Alcune delle vittime erano immesse nel circuito della prostituzione delle strade messinesi, dove l’indagata Belinda John (già tratta in arresto per tratta di esseri umani e già condannata), risultava gestire alcuni joints (postazioni lavorative su strada) e alla quale venivano consegnati i canoni mensili per singola posizione occupati. Il gruppo peraltro costituiva un punto di riferimento per altri connazionali i quali chiedevano consigli, contatti o supporto logistico e, talvolta, offrivano anche ausilio per la gestione di vittime (gli indagati Faith Ekairia, Joy Nosa, Rita Aiwuyo e altri 4 indagati non rintracciati sul territorio nazionale).

A Messina risultavano attivi James Arasomwan e Macom Benson, incaricati, tra l’altro, della riscossione del canone di locazione dei joints spettante alla proprietaria dei posti, mentre ulteriori basi operative risultavano dislocate a Novara, dove dimoravano Tessy William e Evelyn Oghogho, a Verona con Ekairia e Nosa, e Mondovì, sede della madame Rita Aiwuyo.

Rilevate due prassi: la ‘esternalizzazione’ dei servizi correlati alla gestione delle vittime (mentre in passato le vittime raggiungevano subito il proprio trafficante che si occupava di ospitarle e della loro messa a reddito, l’indagine ha fatto emergere una sorta di ‘amministrazione conto terzi’ della vittima: il soggetto che aveva finanziato e organizzato il viaggio della vittima la inviava presso un altro soggetto cui delegava la ‘messa a reddito’, la raccolta dei guadagni e la consegna; le vittime erano costrette a inviare le somme direttamente al ‘voodoolista’ che in Nigeria le aveva sottoposte al ‘juju’ ovvero ai propri parenti affinchè questi ultimi versassero le somme al voodoolista; il voodoolista al momento della ricezione delle somme avvisava la madame o i suoi parenti in Nigeria e questi ultimi si recavano dal voodoolista per incassare le somme nell’interesse della congiunta, somme che restavano in Nigeria. Il volume di affari generato veniva gestito grazie al coinvolgimento di altri connazionali che si prestavano per trasferire, attraverso canali non ufficiali, la massima parte del denaro in Nigeria (dove veniva impiegato in investimenti immobiliari) o per trasferirlo ai connection men libici in pagamento di nuovi viaggi.

Sono emersi vari dettagli sulla fase del reclutamento in Nigeria: dalla indicazione del «Ju-Ju man», ovvero lo stregone che aveva officiato il rito, alla procedura del giuramento e della sottoposizione al rito «Ju-Ju», sotto la minaccia del quale la giovane aveva assunto il solenne impegno di non denunciare, di non fuggire e di pagare il debito assunto, ammontante a 25 mila euro, alla fase del trasferimento in Italia dalla Libia, dove è stata imbarcata su un natante di fortuna.

Le ulteriori indagini hanno permesso di identificare «Osas» nell’indagato Osazee Obaswon, che si trovava a Messina. Ricostruito il gruppo criminale transnazionale, con cellule operative in Nigeria, Libia, Italia ed altri paesi europei, specializzato nell’attività di ‘human trafficking’, permettendo di accertare numerose vicende di tratta (almeno 15) ai danni di altrettante connazionali.

Il leader dell’organizzazione, Osazee Obaswon, collaborato nel suo Paese dai familiari addetti al reclutamento e ai riti magici (ripetuti più volte, anche tramite conference call, in caso di violazione degli obblighi) intratteneva i rapporti con i connection-man stanziati in Libia, incaricati di curare la fase finale e più pericolosa del viaggio: la traversata via mare dalle coste libiche a quelle dell’Italia, ritenuta dalle vittime una vera e propria terra promessa dove avrebbero potuto sottrarsi alla miseria del paese di origine, aiutando anche i familiari. Una volta giunte in Italia le vittime venivano, invece, sfruttate e smistate in luoghi diversi del territorio italiano.

 

Il comunicato ufficiale

OPERAZIONE ANTI-TRATTA “PROMISE LAND

   

La Polizia di Stato (Squadra Mobile di Catania, con la collaborazione delle Squadre Mobili di Messina, Caltanissetta, Verona, Novara e Cuneo), all’alba di oggi, su delega di questa Direzione Distrettuale Antimafia, ha dato esecuzione ad ordinanza di applicazione di misura cautelare, emessa in data 8 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di:

 

    1. OBASWON Osazee  (cl.’87), tratto in arresto a Messina; 
    2. ARASOMWAN James (cl.’88) tratto in arresto a Messina;
    3. BENSON Macom (cl.’91) tratto in arresto a Messina;
    4. WILLIAM Tessy (cl.’91) tratta in arresto a Novara;
    5. OGHOGHO Evelyn (cl.’94) tratta in arresto a Novara;
    6. EKAIRIA Faith (cl.’81) tratta in arresto a Verona;
    7. NOSA Joy (cl.’78) tratta in arresto a Verona;
    8. OGBEIWI Nelson (cl.’84) tratto in arresto a Verona;
    9. JOHN Belinda (cl. ’80) tratta in arresto a Caltanissetta;
    10. AIWUYO Rita (cl. ‘72) tratta in arresto a Mondovì (CN);

 

ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla tratta di persone e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, tratta di persone, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione.

Ai destinatari della odierna misura (complessivamente 14 soggetti) sono state contestate anche le aggravanti della transnazionalità del reato, di avere agito mediante minaccia attuata attraverso la realizzazione del rito religioso-esoterico del voodoo, approfittando della peculiare situazione di vulnerabilità e di necessità delle vittime (talvolta minori), mediante inganno consistito nel tacere l’effettiva destinazione al meretricio e nel rappresentare falsamente la possibilità di svolgere un’occupazione lavorativa lecita, ciò al fine di sfruttare la prostituzione ed esponendo le persone offese ad un grave pericolo per la vita e l’integrità fisica (facendo loro attraversare il continente di origine sotto il controllo di criminali, che le sottoponevano a privazioni di ogni genere e a diverse forme di violenza, facendole giungere in Italia via mare a bordo di imbarcazioni occupate da moltissimi migranti, esponendole ad un altissimo rischio di naufragio).

Il provvedimento restrittivo accoglie gli esiti di un’articolata attività investigativa di tipo tecnico avviata dalla Squadra Mobile di Catania – Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione, con il coordinamento della D.D.A. etnea, a seguito delle dichiarazioni rese da una giovane donna nigeriana giunta in data 7.4.2017, unitamente ad altri 433 migranti di varie nazionalità,  presso il porto di Catania a bordo della motonave “Aquarius” della O.N.G. “S.O.S. Mediterranée”.

Durante le fasi di accoglienza dei migranti un team di investigatori della Sezione Criminalità Straniera, specializzato nella cd. early identification di presunte vittime di tratta, individuava un soggetto vulnerabile, “Giuly” – nome di fantasia, n.d.r., che, escussa, dichiarava di aver lasciato il suo paese perché convinta da un connazionale di nome “Osas”, che le aveva proposto di raggiungerlo in Italia, promettendole un lavoro lecito e  anticipandole le spese del viaggio. 

Dal racconto della giovane emergevano  plurimi dettagli sulla fase del reclutamento in Nigeria (dalla indicazione del Ju-Ju man ovvero lo stregone che aveva officiato il rito, alla procedura del giuramento e della sottoposizione al rito Ju-Ju, sotto la minaccia del quale la giovane aveva assunto il solenne impegno di non denunciare, di non fuggire e di pagare il debito d’ingaggio assunto, ammontante a 25.000 euro) alla fase del trasferimento in Italia dalla Libia ove veniva imbarcata su un natante di fortuna per poi essere soccorsa insieme agli altri migranti e condotta a Catania.  

L’attività tecnica permetteva di identificare il richiamato “Osas” nell’indagato OBASWON Osazee, dimorante a Messina che, dopo qualche giorno dal collocamento di “Giuly” – nome di fantasia, n.d.r., in una struttura protetta, si attivava per prelevarla, portandola presso la sua abitazione ed avviandola al meretricio.

Le indagini tecniche, corroborate da attività di tipo tradizionale, coordinate dalla locale Procura Distrettuale della Repubblica  e condotte dal personale della Sezione Criminalità Straniera della Mobile di Catania, consentivano di ricostruire un network criminale transnazionale, con cellule operative in Nigeria, Libia, Italia ed altri paesi europei, specializzato nella lucrosa attività di human trafficking, permettendo di accertare numerose vicende di tratta (almeno 15) ai danni di altrettante connazionali: 

il leader del sodalizio, OBASWON Osazee, collaborato in madrepatria dai familiari addetti al reclutamento (in base a criteri di natura meramente estetica) e alla sottoposizione ai riti magici (ripetuti più volte, anche tramite conference call, in caso di inottemperanza agli obblighi assunti) intratteneva i rapporti con i connection-man stanziati in Libia, incaricati di curare la fase finale e più pericolosa del viaggio ovvero la traversata via mare dalle coste libiche a quelle dell’Italia, ritenuta dalle vittime una vera  e propria terra promessa ove avrebbero potuto sottrarsi alla miseria  del paese di origine, aiutando anche i familiari ivi rimasti; una volta giunte in Italia le vittime venivano, invece, sfruttate in  modo da ottenere da esse il massimo rendimento e venivano anche “smistate” in luoghi diversi del territorio italiano in guisa da massimizzare i profitti, affidate alle cure di altri indagati. 

In sintesi l’indagine permetteva di fotografare l’attività di un efficiente sodalizio dedito alla tratta di esseri umani e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed operante su più Stati e distinguendo in base allo Stato ove veniva realizzata la condotta delittuosa era, difatti, possibile individuare:  una componente “italiana” costituita da OBASWON Osazee detto Ozed ovvero l’OSAS indicato da Giuly e risultato essere il capo indiscusso dell’associazione, da WILLIAM Tessy detta Silvia, da ARASOMWAN James detto James; una componente “nigeriana” (familiari di alcuni degli indagati e altri soggetti con il ruolo di reclutatori); una componente “libica” (costituita dal connection man cui i sodali erano soliti rivolgersi per il trasferimento via mare verso l’Italia delle vittime). 

Grazie agli sforzi congiunti dei sodali nell’arco di quasi 8 mesi venivano registrate le vicende correlate al reclutamento, al trasferimento in Italia, alla gestione su strada di numerosissime vittime di tratta. Alcune delle vittime venivano immesse nel circuito della prostituzione delle strade messinesi, ove l’indagata JOHN Belinda (già tratta in arresto da questo Ufficio per il delitto di tratta di esseri umani e già condannata per detto titolo di reato), risultava gestire alcuni  joints (postazioni lavorative su strada) e alla quale venivano rimessi da alcuni dei sodali i canoni mensili per singola posizione occupata, previa riscossione del relativo importo.

 La particolare expertise maturata dall’associazione investigata non passava inosservata ad altri soggetti aventi gli stessi interessi affaristico criminali dei sodali: questi ultimi, infatti costituivano punto di riferimento per altri connazionali, anch’essi impegnati nel settore della tratta  di esseri umani, i quali chiedevano consigli, contatti o supporto logistico e, talvolta, offrivano anche ausilio per la gestione di vittime, pur continuando a gestire le proprie vittime (ci si riferisce agli indagati EKAIRIA Faith, NOSA Joy, AIWUYO Rita ed ad altri 4 indagati non rintracciati sul territorio nazionale): il collegamento tra i vari componenti del sodalizio e gli altri connazionali sopra menzionati permetteva di ricostruire ulteriori ipotesi di tratta svolgentesi al di fuori del perimetro associativo.

A Messina risultavano attivi in tal senso, gli indagati ARASOMWAN James e BENSON Macom incaricati, tra l’altro, della riscossione del canone di locazione dei joints spettante alla “proprietaria” dei posti (l’indagata JOHN Belinda) mentre ulteriori basi operative risultavano dislocate a Novara, dove dimoravano WILLIAM Tessy e  OGHOGHO Evelyn, a Verona quale luogo di dimora di EKAIRIA Faith e NOSA Joy ed, infine, a Mondovì (CN), sede della madame AIWUYO Rita.

In particolar modo la rete di rapporti vantata dai sodali su tutto il territorio nazionale e all’estero permetteva di evidenziare dei trends nella realizzazione del delitto di tratta di esseri umani che, emersi occasionalmente in passato, sembravano esser in corso di stabilizzazione e, in particolare venivano rilevate due prassi: 

la esternalizzazione dei servizi correlati alla gestione delle vittime (in buona sostanza, mentre in passato le vittime raggiungevano subito il proprio trafficante che si occupava di ospitarle e della loro messa a reddito, la presente indagine faceva emergere una sorta di “amministrazione conto terzi“ della vittima: il soggetto che aveva finanziato e organizzato il viaggio della vittima la inviava presso un altro soggetto cui delegava “in toto” la messa a reddito, il controllo del meretricio, la percezione dei guadagni e l’invio degli stessi);

la triangolazione dei pagamenti delle somme a scomputo del debito di ingaggio (a differenza di quanto rilevato in precedenti indagini ove la vittima generalmente versava nelle mani del trafficante le somme provento del meretricio, alcune madame adottavano una diversa modalità di pagamento: le vittime erano costrette a inviare le somme direttamente al voodoolista che in Nigeria le aveva sottoposte al “juju” ovvero ai propri parenti affinché questi ultimi versassero le somme al voodoolista; il voodoolista  al momento della ricezione delle somme avvisava la “madame” o i di lei parenti in Nigeria e questi ultimi si recavano dal voodoolista per incassare le somme nell’interesse della congiunta, somme che ovviamente restavano in Nigeria;

detta prassi assolveva evidentemente un doppio compito, ovverossia per un verso la circostanza di dover versare al voodoolista ingenerava nelle vittime una ulteriore pressione psicologica, per altro verso, assicurava impermeabilità all’attenzione investigativa elidendo ogni flusso economico diretto vittima/madame).

In costanza di attività di indagine il sodalizio riusciva con frequenza a movimentare ingenti somme di denaro, sebbene talvolta anche per importi minimi, in guisa da trasferire in Nigeria tutto il guadagno derivante dallo sfruttamento delle connazionali e così anche simulando in Italia una situazione di impossidenza (di quasi povertà): ovviamente i flussi di denaro verso la Nigeria avvenivano sempre avvalendosi dei servizi di intermediari che non utilizzavano sistemi ufficiali o tracciabili.

Il volume di affari generato da detti traffici illeciti veniva gestito grazie al coinvolgimento di altri connazionali che si prestavano per trasferire, attraverso canali non ufficiali,  la massima parte del denaro in Nigeria (ove veniva impiegato in investimenti immobiliari) ovvero per trasferirlo ai connection men libici in pagamento di nuovi viaggio di nuove vittime.

Dall’analisi dei flussi di denaro movimentato attraverso le carte di credito e postapay emerse nel corso delle indagini (e tutte sottoposte a sequestro) risultavano accertate operazioni nel periodo di interesse per un ammontare complessivo pari a 1.200.000,00 euro.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione