Agguato a Giostra, chieste pesanti condanne per il tentato omicidio di Francesco Cuscinà

15 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

Pesanti condanne sono state chieste dall’accusa nel processo per il tentato omicidio di Francesco Cuscinà. Al vaglio del gup Simona Finocchiaro è il ferimento avvenuto il 25 agosto 2018 sul viale Giostra a Messina. Il pubblico ministero Liliana Todaro, nel processo che si tiene con il rito abbreviato, ha chiesto 28 anni per Paolo Gatto, figlio di Puccio Gatto, boss di Giostra, accusato di tentato omicidio e rapina mentre ha chiesto 20 anni per Giuseppe Cutè che deve rispondere di tentato omicidio e interposizione fittizia di beni. Infine, sono stati chiesti due anni per Giovambattista Cuscinà che deve rispondere della detenzione di un’arma.

Sono poi cominciati gli interventi degli avvocati Alessandro Billè, Salvatore Silvestro e Pietro Venuti che proseguono nella prossima udienza. Si procederà a parte, le posizioni sono state stralciate, nei confronti dello stesso Francesco Cuscinà e di Martina Curatola. Francesco Cuscinà fu raggiunto da alcuni colpi di pistola al braccio ed al torace esplosi da due persone giunte a bordo di un ciclomotore. Le indagini furono indirizzate negli ambienti della criminalità locale ed a settembre 2019 sfociarono in un blitz dei carabinieri. Fonte: Gazzetta del Sud

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione