Lunghe code sull’A20, Tonino Sciotto: “Ogni mattina arrivare a Messina è un’Odissea”

15 Giugno 2020 Cronaca di Messina

“Quasi un’ora dai caselli di Villafranca all’uscita del Boccetta. E’ inconcepibile che ogni mattina chi raggiunge la città di Messina provenendo da Palermo debba affrontare code di macchine infinite, rischiando, naturalmente, di arrivare in ritardo a lavoro”. Così il segretario provinciale di Ugl Messina, Tonino Sciotto, commenta l’ennesimo episodio mattutino sull’A20.

“Sono passati esattamente 40 minuti da quando io stesso ho pagato il pedaggio al cesello di Villafranca a quando sono riuscito ad uscire sul viale Boccetta. Fra attimi in cui la fila non si muoveva e altri in cui pensavamo che non saremmo mai arrivati. Giungere nel Comune di Messina, in pratica, diventa un’Odissea”, continua Sciotto, preoccupato soprattutto per le ricadute che la mala organizzazione del Cas può avere sui pendolari che ogni mattina sono costretti ad andare nella città dello Stretto per lavoro.

In merito alla questione, mercoledì mattina si terrà una riunione in Prefettura tra l’assessore comunale alla viabilità, Salvatore Mondello, il comandate della Polizia municipale e quello della Polizia metropolitana e il Rup Anna Sidoti, nonché segretario reggente della federazione Viabilità e Logistica dell’Ugl Messina. Quest’ultima, in particolare, esporrà delle soluzioni per le problematiche alla viabilità generate dai lavori riguardanti la rampa di accesso del viadotto RItiro.

“Sono sicuro che questa situazione verrà risolta una volta per tutte. Per troppe volte chi è stato al comando delle operazioni o del Cas si è girato dall’altra parte. Ma adesso si è giunti al limite ed è arrivato il momento di affrontare la situazione di petto”, conclude il segretario provinciale del sindacato, Tonino Sciotto.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione