MESSINA: VERTENZA SCUOLE ABITATE, VERSO UNA SVOLTA

17 Giugno 2020 Politica

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato dell'Unione Inquilini Messina sull’accordo finale raggiunto con l’Amministrazione comunale che ha individuato un alloggio per tutte le famiglie senza una casa che erano state costrette a occupare alcuni plessi comunali. 

Era il 2013 quando la scuola “P. Donato” fu occupata da alcune famiglie che vivevano una insostenibile precarietà abitativa. Da lì in poi la città è stata attraversata da una permanente vertenzialità sul tema dell’abitare ed altre occupazioni sono sorte per rispondere ai bisogni vitali di decine di famiglie senza casa. La regolarizzazione delle occupazioni attraverso la stipula di comodati d’uso è stata l’opzione necessaria della scorsa Giunta Municipale nell’attesa che si reperissero nuovi alloggi sociali.  

Per alcuni anni la situazione si è paralizzata peggiorando evidentemente la vita degli inquilini nelle strutture.

È stato un percorso caratterizzato da una forte carica conflittuale e tracciato a cavallo della scorsa e della nuova amministrazione comunale. Per una serie di motivazioni è stato estremamente difficoltoso proprio perché costellato da battute d’arresto ed impegni istituzionali costantemente disattesi. 

Oggi sembrerebbe che si stia imboccando la strada giusta per trovare una soluzione sicura per risolvere questa vertenza. Entro luglio le famiglie delle strutture di Catarratti, della Pietro Donato e della ex Ugo Foscolo avranno finalmente un’abitazione decente e dignitosa in cui vivere. Passaggio agevolato e accelerato dal fatto che la stragrande maggioranza dei nuclei familiari in questione sono collocati utilmente nei primi posti della graduatoria ERP.  

Ci teniamo a ricordare l’impegno dei consiglieri comunali Alessandro Russo e Cristina Cannistrà e del Garante per i minori, Fabio Angelo Costantino che, nelle specificità dei propri ruoli istituzionali, in questi mesi, non hanno fatto mancare il loro sostegno ed il loro apporto umano per garantire i diritti sociali delle famiglie e soprattutto dei minori presenti nelle scuole. 

Ci possiamo ritenere soddisfatti dell’accordo finale raggiunto con l’Amministrazione in queste ore, frutto indubbiamente di anni di lotta in questa città per garantire il diritto all’abitare. Vogliamo porre la parola fine a questa lunga vertenza e per questo vigileremo affinché nessuna famiglia resti indietro.  

Il nodo centrale delle nostre rivendicazioni tuttavia resta in piedi: in questa città migliaia di nuclei familiari vivono un forte disagio abitativo, sociale ed il potenziamento dell’offerta di alloggi sociali per i messinesi è senza alcun dubbio l’obiettivo primario per cui continueremo a lottare.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione