LA GIUNTA DE LUCA RISPONDE AI CONSIGLIERI PD, “INOPPORTUNI E OFFENSIVI”. CMDB: “Pagina Fb del Comune o della Giunta De Luca?”

18 Giugno 2020 Politica

L’interrogazione dei consiglieri del Pd Antonella Russo, Gaetano Gennaro, Felice Calabrò e Alessandro Russo di ieri pomeriggio, in cui si chiedeva conto dei motivi dell’assenza del sindaco Cateno De Luca ormai dall’8 maggio, non è rimasta senza risposta. A stretto giro di posta sulla pagina facebook ufficiale del comune di Messina, ma anche sul sito istituzionale di Palazzo Zanca, è stato pubblicato un comunicato della giunta, di attacco diretto agli esponenti democratici.

“I consiglieri del PD hanno sferrato oggi un attacco al Sindaco che – se non fosse inopportuno ed offensivo – potrebbe anche far sorridere. Questi signori, minimizzando su problemi personali e familiari che non conoscono, vorrebbero – a quanto pare – dettare l’agenda al primo cittadino”, recita il comunicato.

“L’aspetto ridicolo è, che dopo avergli contestato l’assenza fisica da Palazzo Zanca, di cui, lo ricordiamo, De Luca non è il custode, criticano gli atti da lui compiuti quando ha partecipato alle riunioni della Giunta Municipale. Sul punto ci teniamo a precisare che non c’è stata giornata che non abbia visto impegnato il nostro Sindaco in incontri con noi Assessori, ovunque egli si trovasse… persino in ospedale in occasione del ricovero di suo padre! E tali continui e quotidiani contatti ci permettono di sostenere senza timore di smentita che non vi è stato alcun incontro con Matteo Salvini, il quale, a differenza di altri, ha ben compreso le ragioni di uomo occupato e preoccupato per le condizioni di salute del padre. I signori Consiglieri comunali esibiscano le prove di questo incontro De Luca – Salvini oppure chiedano scusa per evitare di passare per ciarlatani istituzionali. Infine riteniamo inutile qualsiasi commento sul ricorso che la Giunta collegialmente ha voluto proporre a tutela del prezioso lavoro svolto durante l’emergenza COVID che ha causato anche un inedito scontro istituzionale del nostro Sindaco con il Ministro degli Interni e del quale abbiamo chiesto nelle sedi giudiziarie il chiarimento definitivo”.

In serata anche Cambiamo Messina dal basso ha voluto dire la sua attraverso una nota: “Il sito istituzionale, la pagina facebook e tutti i canali ufficiali del Comune di Messina sono ormai ostaggio della Giunta De Luca che li usa per le proprie beghe politiche. Da diversi mesi sui social sta accadendo una cosa su cui nessuno ha ancora fatto luce: la pagina ufficiale facebook del Comune di Messina è diventata ormai la pagina ufficiale della Giunta De Luca. In completo contrasto con la Legge 7 Giugno2000 n 50 che riguarda la ” Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni”, si legge.

“In una città normale, con una classe dirigente normale, la pagina del Comune servirebbe a diffondere le notizie dell’ufficio stampa riguardanti l’ente locale, le comunicazioni ufficiali riguardanti le ordinanze e le delibere, i lavori, le iniziative, dovrebbe insomma essere uno spazio a disposizione per tutti i componenti, Consiglieri Comunali compresi, ma a Messina non è così. A Messina la pagina del Comune è ormai diventata la Pravda del sindaco De Luca e della sua giunta e viene utilizzata come ulteriore strumento di propaganda e di lotta politica e non come organo ufficiale a disposizione della collettività.”

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione