Tomasello e Macri dovranno risarcire l’università. Per la Corte dei Conti chi trucca un concorso provoca un danno d’immagine all’istituzione

24 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

Ieri la Procura generale della Corte dei Conti, a proposito del danno provocato da chi commette reati ai concorsi universitari, condannando i diretti interessati (i fatti risalgono al 2007, la sentenza di condanna del tribunale penale per tentata concussione relativamente ad un concorso universitario è del 2013, per l’ex rettore di Messina Franco Tomasello e l’ex preside della facoltà di veterinaria Battesimo Macri’) a pagare rispettivamente 24 mila e 20 mila euro per il solo DANNO DI IMMAGINE fatto all’istituzione universitaria in quanto tale, scrive nella sentenza n. 23/A del 23 giugno 2020:

Le gravissime condotte contestate hanno leso gravemente l’immagine dell’Università degli studi di Messina, inducendo nella opinione pubblica la malcelata convinzione della fallacia del sistema di reclutamento dei docenti universitari. Il discredito prodotto nuoce seriamente all’idea di una Istruzione universitaria seria che contribuisca alla formazione spingendo tutti verso una unica stella polare: studiare, crescere, migliorare, ritenendo consapevolmente che il sistema premi i sacrifici fatti, non frustando le legittime aspettative. Per converso, i descritti comportamenti finiscono con l’immiserire le importanti funzioni ricoperte, inducendo la triste convinzione che il sistema di reclutamento sia una oasi infelice, dove il sistema non premi i meritevoli ma soltanto i rapporti parentali, annichilendo così un qualsiasi anelito di imparare, studiare e impegnarsi per raggiungere risultati che restano così semplici miraggi. Il desiderio di frequentare l’Università di Messina per diventare Medico veterinario, nulla a che vedere con il sistema biasimevole di reclutamento per l’accesso al mondo universitario messo in atto; ciò senza contare che l’Università di Messina, in ambito regionale, è l’unico polo universitario per conseguire la laurea in Veterinaria. Orbene, certamente i descritti comportamenti da cui è scaturita la condanna in sede penale degli odierni appellanti hanno avuto una notevole risonanza mediatica, come comprovato inequivocabilmente dalle notizie comparse sui giornali e sui “siti on line”, i cui “link” sono tuttora agevolmente reperibili in rete, con grave discredito dell’Università di Messina.

Chi trucca i concorsi, se la denuncia va fino in fondo, d’ora in poi dovrà mettere le mani al portafogli anche per danno d’immagine.

 

Leggi la sentenza integrale della Corte dei Conti del 23 giugno 2020

 

UNIVERSITÀ’ MESSINA: Concorso ‘facile’ a Veterinaria e fondi Lipin. In Cassazione definitive le condanne per Tomasello e Macrì

RASSEGNAWEB – UNIVERSITÀ DI MESSINA, LA SENTENZA. 2 E MEZZO PER L'EX RETTORE TOMASELLO, 3 ANNI A BATTESIMO MACRI': Processo Veterinaria, sconti di pena in appello ma reggono le condanne

UNIVERSITA DI MESSINA, LA SENTENZA DEL PROCESSO PER IL CONCORSO A VETERINARIA: ECCO TUTTE LE CONDANNE. 3 ANNI E SEI MESI PER IL MAGNIFICO FRANCO TOMASELLO. 5 ANNI E 4 MESI PER IL PROF. BATTESIMO MACRI'

MESSINA, IL PROCESSO: Lunga deposizione dell'ex preside Macrì al processo per il concorso "pilotato" alla facoltà di Veterinaria. «Mio figlio fu discriminato». Il rettore Tomasello non si presenta, il pm ha chiesto di acquisire i verbali

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione