Segregata in casa, compagno violento arrestato dai Carabinieri a Pace del Mela

1 Luglio 2020 Cronaca di Messina

E’ accusato di maltrattamenti in famiglia il 47enne di Pace del Mela arrestato dai carabinieri della stazione locale, rinchiuso in carcere dopo la denuncia della ex convivente, scappata di casa a maggio scorso.

L’uomo ha precedenti guai con la giustizia. Il provvedimento è arrivato dopo l’inchiesta del sostituto procuratore Rita Barbieri con la supervisione del procuratore capo Emanuele Crescenti, che ha ricostruito l’incubo nel quale era precipitata la donna, e che andava avanti da mesi.

A far emergere i maltrattamenti è stato un episodio risalente a due mesi fa, quando i carabinieri sono stati richiamati in un appartamento di Pace da alcuni condomini, allarmati dai rumori che arrivavano dal locale. Qui, i militari hanno trovato il quarantasettenne, vistosamente ubriaco, che inveiva contro il proprietario dell’appartamento “reo” a suo dire di aver ospitato la ex compagna.

E’ così che gli uomini dell’Arma hanno cominciato a indagare e sentito la donna, che ha raccontato di aver chiuso la relazione con l’uomo ed essere letteralmente scappata di casa, trovando rifugio dal vicino, all’ennesimo episodio di maltrattamento e violenza. Episodio che era soltanto l’ultimo di una lunga serie iniziata nell’ottobre dell’anno precedente, quando i due avevano cominciato a convivere.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione