Messina, differenziata: Messinaservizi cerca di sensibilizzare esercenti del Centro che conferiscono in modo errato

10 Luglio 2020 Cronaca di Messina

Messinaservizi Bene Comune insieme a Confcommercio, Confesercenti e Confartigianato cerca di sensibilizzare ulteriormente diversi esercenti del Centro che ancora dopo mesi conferiscono in modo errato. Si invita a seguire il calendario per differenziare in modo corretto i materiali ed evitare così multe salatissime. Messinaservizi Bene Comune in accordo con Confesercenti, Confcommercio e Confartigianato sta cercando di sensibilizzare gli esercizi commerciali del Centro città ad effettuare con regolarità la raccolta differenziata e a rispettare il calendario già consegnato e pubblicizzato più volte per le utenze non domestiche in Centro. Messinaservizi Bene Comune ha rilevato ancora, con disappunto, più volte delle incongruenze tra i materiali conferiti rispetto a quanto prevede il calendario e per questo si prevedono sanzioni giornaliere. Messinaservizi ha già segnalato questi operatori commerciali ai quali sono state elevate multe salate, tuttavia in uno spirito di collaborazione reciproco, anche in accordo con le associazioni di categoria, segnaliamo ulteriormente il calendario corretto per le utenze non domestiche in Centro, che, sarà di nuovo inserito nel nostro sito e nelle nostre pagine social. Invitando quindi a seguire il calendario, ricordiamo che prevede che l’umido si conferisca tutti i giorni, carta e cartone dal lunedì al sabato, plastica e metalli il mercoledì e il sabato, il vetro il lunedì e il venerdì.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione