Il sindaco De Luca: Disposta la chiusura dell’hotspot per migranti abusivamente realizzato all’ex caserma Gasparro di Bisconte

17 Luglio 2020 Cronaca di Messina

“E’ stata disposta la chiusura dell’hotspot per migranti abusivamente realizzato all’ex caserma Gasparro di Bisconte”. Lo scrive sulla sua pagina Facebook il sindaco di Messina, Cateno De Luca.

Il provvedimento, ricordiamo che per ragioni di salute il sindaco può deliberarne la chiusura ed intimare l’allontanamento dei migranti, sarà ufficializzato oggi pomeriggio alle 17, “mediante affissione all’ingresso principale dell’hotspot di Bisconte”. Una decisone storica per il sindaco, a tal punto che ha già organizzato una diretta via social in modo da rendere partecipe la cittadinanza.

Sarà una chiusura reale con tutte le difficoltà del caso da affrontare, un nuovo conflitto all’orizzonte con il ministro degli interni e il prefetto ad esempio sembra inevitabile, o una messa in scena per placare gli animi di cittadini esasperati e poi scaricare la responsabilità della mancata chiusura al Viminale? Che la struttura fosse abusiva lo si sapeva da due anni. Ma si è stati a guardare. Adesso l’improvvisa accelerata.

“Ciò che è successo mercoledì sera, con una trentina di migrati ancora a piede libero, ricercati dalle forze dell’ordine, è un fatto che non può e non dovrà più ripetersi. La cittadinanza è preoccupata e non posso permettere che nel mio territorio regni sovrano il disordine. I migranti fuggono indisturbati per la città, mettendo in pericolo la popolazione e dobbiamo pure stare in silenzio senza protestare? Non ci sto, per tale motivo dico basta a questo mercimonio – conclude il sindaco – . Se a livello regionale non si riesce a fare la voce grossa con Roma, accettando supinamente tale condizione, da adesso a Messina si cambia e anche subito”.

 

Per approfondire leggi qui:

http://antoniomazzeoblog.blogspot.com/2018/08/hotspot-migranti-di-messina-disumano-e.html

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione