Commemorazione Strage di Via D’Amelio, deposta la corona di fiori sotto l’albero Borsellino

Si è svolta stamane la consueta commemorazione della strage di Via D’Amelio, organizzata dal Comitato XIX Luglio,​ durante la quale è stata deposta una corona di fiori dinanzi​ “all’albero Borsellino”, piantato​ il 19 luglio 2007 a cura dell’Associazione “Atreju”, sotto il quale è​ stato realizzato un piccolo monumento con incisa la celebre frase del giudice sul rapporto tra la gioventù e la mafia: “Se la gioventù le negherà il consenso anche l’onnipotente misteriosa mafia svanirà come un incubo”. All’incontro erano presenti, tra gli altri, il Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, il Prorettore vicario, prof. Giovanni Moschella, il dott. Vincenzo Barbaro, Procuratore Generale di Messina e il dott. Michele Galluccio, Presidente della Corte dAppello di Messina.

“A distanza di 28 anni dalla strage di via D’Amelio – ha detto il Rettore – rinnoviamo la memoria di Paolo Borsellino e di tutte le vittime di mafia. Appartengo ​ a quella generazione che negli anni delle stragi ha seguito la cronaca e si è posta tante domande. ​ Il nostro dovere è quello di continuare a combattere, anche culturalmente ​ sia la corruzione che il fenomeno mafioso e mi fa molto piacere vedere​ oggi la partecipazione di numerosi giovani che testimoniano l’impegno delle istituzioni in questo senso”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione