Messina, vasto giro di droga con la zona ionica: ci sono 17 indagati

3 Agosto 2020 Inchieste/Giudiziaria

Decine di cessioni di droga leggera ma anche di cocaina o eroina, tra la città, Giardini Naxos e Taormina, tutte “concentrate” nel 2016. È questa l’inchiesta gestita dal sostituto procuratore della Dda Francesco Massara che ora vede l’atto di chiusura delle indagini preliminari notificato a diciassette indagati. Che devono rispondere, a vario titolo, di traffico e cessione di sostanze stupefacenti, e in alcuni casi anche di estorsione, ovvero le pressioni esercitate per ottenere i pagamenti dopo la consegna della droga.

Nell’atto notificato dal magistrato sono coinvolti: Giovanni Carmelo Cafà, di Catania; Renato Alfonso, residente a Giardini Naxos; Massimo Scimone, di Taormina; Francesco La Pica, di Messina; Salvatore Giusa, originario di Giarre; Antonino Domenico Longo, di Mongiuffi Melia; Giuseppe Sturniolo, di Messina; Angelo Mirabello, di Messina; Giovanni Di Giacomo, di Messina; Domenico Musolino, di Messina; Hassen Chouk, originario di Ragusa e domiciliato in un locale a Taormina; Andrea Nicholas Saglimbene, di Taormina; Salvatore Russo, di Catania; Roberto Gaetano Giuffrida, di Catania; Giuseppe Trovato, di Taormina; Samuel Petrera, residente a Giardini Naxos; Fabio Galea, di Taormina. Una cinquantina gli episodi che sono stati ricostruiti dall’inchiesta, per esempio nei pressi del bar di Taormina gestito da Cafà, oppure in uno stabilimento balneare sempre di Taormina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione