“Due mari, tre Doc: Malvasia, Faro e Mamertino”. Si è svolta al Palazzo camerale la II edizione di “Malvasie senza confini”

8 Agosto 2020 Cronaca di Messina

Si è svolta questo pomeriggio, nell’ambito del 449. anniversario dello sbarco di Don Giovanni d’Austria a Messina, la II edizione dell’evento “Malvasie senza confini”, celebrata con il convegno “Due mari, tre Doc: Malvasia, Faro e Mamertino” nel salone della Borsa del Palazzo camerale.

«Con l’incontro di oggi, la Camera di commercio avvia un percorso di promozione di uno dei settori più rappresentativi del nostro territorio – afferma il presidente dell’Ente camerale, Ivo Blandina – qual è, appunto, quello vitivinicolo. La provincia messinese vanta tre Doc che meritano di essere adeguatamente valorizzate non solo sul panorama nazionale, ma anche internazionale. Abbiamo depositato all’ufficio italiano Brevetti e Marchi il marchio “Due mari tre Doc” proprio per puntare sulla valorizzazione delle nostre eccellenze e, per loro tramite, della nostra terra». 

«A Messina, la coltivazione della vite da vino corrisponde alla fondazione della città di Zancle da parte dei Greci –  aggiunge la segretaria generale della Camera di commercio, Paola Sabella – anche i Romani decantavano i pregi dei vini messinesi, come si legge nell’opera di Plinio il Vecchio “Historia Naturalis”. Il vino è legato al territorio e, a sua volta, il territorio è legato al vino. Con la sua storia, i suoi profumi, il suo sole e il suo paesaggio consente all’uva e al vino di estrinsecare le sue potenzialità».  

«Siamo convinti che Malvasie senza confini possa diventare il punto di partenza per una nuova strategia di crescita turistica ed economica – evidenzia il presidente dell’associazione “Aurora”, Fortunato Manti – l’obiettivo della rete è quello di valorizzare le nostre peculiarità. Partiamo dalla “scontro” rappresentato dalla battaglia per arrivare all’incontro e allo scambio. Fare rete significa fare squadra e in quest’ottica vogliamo continuare».

Sull’anniversario dello sbarco di Don Giovanni d’Austria a Messina, si è soffermato l’assessore comunale al Turismo, cultura e brand Messina, Enzo Caruso: «Dal 2009, l’amministrazione comunale è partner di questo evento spettacolare, che ricorda una pagina di storia della Messina del Rinascimento, durante la quale don Giovanni d’Austria, nominato in capo alla flotta cristiana, sbarca a Messina con oltre 300 navi provenienti da mezza Europa. Per ricordare i fasti con cui il Senato messinese accolse il principe, in compartecipazione con Venezia e il Comune greco di Lepanto, Messina, grazie all’amministrazione e all’associazione “Aurora”, organizzatrice della manifestazione, riacquista una posizione strategica nell’ambito del turismo in area euro mediterranea». 

Dopo i saluti istituzionali, spazio alla relazione di Pietrangelo Pettenò rappresentante di “Marco Polo Project di Venezia”, su “La malvasia sulle rotte della Serenissima. Dall’antica città greca di Monemvassìa al Mediterraneo” e, a seguire, l’intervento di Flora Mondello, presidente dell’associazione Doc Mamertino: «Siamo nati due anni fa e, a oggi, fanno parte della nostra associazione ben 15 su 17 realtà vitivinicole della nostra provincia. Il nostro obiettivo è quello di valorizzare il produttore del mamertino e, al contempo, ovviamente il suo vino. La filiera del vino è estremamente importante all’interno dell’economia di sistema ed è necessario portare avanti attività che possano incrementare questa consapevolezza all’interno della nostra stessa terra. E’ importante che il vino messinese diventi la prima scelta per i consumatori del nostro territorio e non solo perché è di qualità e vanta caratteristiche uniche, ma anche e soprattutto perché è essenziale fare rete per promuovere la nostra provincia». 

A intervenire, infine, Pietro Colosi, in rappresentanza del Consorzio per la tutela della Doc Malvasia delle Lipari e Igt Salina, e Salvatore Geraci, produttore del Faro Doc. 

Tra i presenti all’evento – promosso dalla Camera di commercio in collaborazione con l’associazione Aurora, la Fondazione Istituto Albatros, Marco Polo Project di Venezia, l’Istituto Minutoli e Nonsolocibus – anche Paolo Bitto, presidente della Fondazione Istituto Albatros, e Piero La Tona, dirigente scolastico dell’Istituto Minutoli.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione