Messina, altre pedonalizzazioni in diversi tratti del centro: ecco quali

13 Agosto 2020 Politica

Da lunedì 31 agosto al 30 dicembre 2020 saranno pedonalizzati alcuni tratti di strade del centro cittadino di Messina, individuati dalla III e dalla IV Municipalità, al fine di venire incontro alle necessità di attività produttive (bar, ristoranti, ecc.), per consentire l’occupazione di suolo pubblico con l’installazione di arredi (dehors, sedie, tavoli, ombrelloni…..) a diretta fruizione della clientela e agevolare la ripresa di esercizi messi in crisi dalla grave emergenza sanitaria legata al Covid-19, garantendo, in tal modo, il previsto distanziamento sociale.

La pedonalizzazione interesserà le vie Loggia dei Mercanti, nel tratto compreso tra via C. Colombo e corso Cavour; C. Colombo, tra le vie Consolato del Mare e Loggia dei Mercanti; Camiciotti, tra le vie U. Bassi e G. Bruno; complanare lato monte di viale S. Martino, tra viale Europa e via Milano; Buganza, tra via Giolitti e viale San Martino; Pozzoleone, tra le vie Argentieri e Garibaldi; San Camillo, tra le vie Gasparro e Argentieri; e Casalaina, tra via Laudamo e via M. Aspa. Pertanto il Dipartimento Servizi Territoriali ed Urbanistici – Servizio Mobilità Urbana ed Autoparco, con ordinanza n. 706, ha disposto provvedimenti viari.

Da lunedì 31 agosto al 30 settembre, sarà collocata la segnaletica verticale di “area pedonale” e “fine area pedonale”, con pannello integrativo riportante l’indicazione del periodo di validità; sarà consentito l’accesso ai veicoli diretti ad eventuali passi carrabili regolarmente autorizzati e posizionata idonea transennatura in corrispondenza delle intersezioni stradali delle vie Loggia dei Mercanti, con corso Cavour; Cristoforo Colombo, con via Consolato del Mare; Camiciotti, ad intersezione con le vie U. Bassi e G. Bruno; complanare lato monte di viale S. Martino, ad intersezione con viale Europa e via Milano; Buganza, con via Giolitti; Pozzoleone, ad intersezione con le vie Argentieri e G. Garibaldi; San Camillo, ad intersezione con le vie Gasparro e Argentieri; e Casalaina, con via M. Aspa.

Saranno inoltre istituite la “direzione obbligatoria diritto” in via Consolato del Mare, in entrambi i sensi di marcia, ad intersezione con via Cristoforo Colombo, ed in via U. Bassi, ad intersezione con via Camiciotti; le “direzioni consentite diritto e destra” in via G. Giolitti, ad intersezione con via Buganza; “obbligatoria a destra’” in via Pozzoleone, ad intersezione con via Argentieri; “obbligatoria a sinistra” in via San Camillo, ad intersezione con via Gasparro; ed “obbligatoria diritto” in via M. Aspa, ad intersezione con via Casalaina.

Saranno infine trasferiti gli stalli di sosta per i veicoli a servizio di persone disabili, non personalizzato, attualmente sul lato monte di via Cristoforo Colombo a sud dell’intersezione con via Consolato del Mare, sul lato nord di via Consolato del Mare a monte dell’intersezione con via Cristoforo Colombo; quello attualmente sul lato sud di via Pozzoleone a valle dell’intersezione con via Argentieri, sul lato est di via Argentieri a sud dell’intersezione con via Pozzoleone; e lo stallo di sosta attualmente sul lato sud di via San Camillo a valle dell’intersezione con via Argentieri, sul lato sud della stessa via San Camillo a monte dell’intersezione con via Argentieri.

Le occupazioni di suolo pubblico da parte delle varie attività di ristorazione, insistenti nei tratti delle aree pedonali, dovranno avvenire in modo tale da lasciare sempre libero un corridoio della larghezza minima di 3 metri e 50 per l’eventuale transito di veicoli di pronto soccorso, di emergenza e delle Forze di Polizia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione