Commercialisti, revocato lo sciopero dopo l’apertura del Governo alle richieste di categoria

14 Settembre 2020 Cronaca di Messina

È stato revocato lo sciopero dei commercialisti dopo l’apertura del Governo alle richieste di categoria. «Un segnale che però non basta ai professionisti messinesi, che cancellano anche il sit in previsto per martedì 15 settembre ma si incontreranno alla sede dell’Ordine venerdì 18 alle 11», spiegano in un comunicato.

“Ammettere alle così dette agevolazioni il mero rinvio delle scadenze fiscali solo i soggetti che hanno perso il 33% del fatturato – spiega il coordinatore regionale dell’Anc- Assoralp Francesco Vito. – vuol dire non tener conto che alle imprese è venuta meno la disponibilità finanziaria, in molti casi anche a fatturato invariato. E, soprattutto, non agevola il lavoro dei commercialisti, anzi li chiama ad uno sforzo aggiuntivo, che vanifica di fatto i rinvii concessi”.
La categoria è spaccata sullo stop allo sciopero: soltanto 5 sigle hanno aderito, per le altre l’agitazione deve andare avanti. Anche per questo l’Ordine di Messina, presieduto da Enrico Spicuzza, ha convocato l’incontro di venerdì.
Per i professionisti che vorranno presenziare – visto il contingentamento dei posti in osservanza alle regole dettate dall’emergenza coronavirus – occorrerà prenotarsi presso la sede dell’Ordine.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione