PATTI&AFFARI: In appello chiesti sei anni per il sindaco di Patti Mauro Aquino

15 Settembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Sei anni di reclusione per il sindaco di Patti, Mauro Aquino, che in primo grado era stato assolto. Poi altre tre condanne, per Nicola Molica, Maria Tumeo e Luciana Panassidi. E perfino una rivalutazione delle assoluzioni, per dichiarare invece in alcuni casi la prescrizione dei reati.

È stata una requisitoria durissima – come scrive Nuccio Anselmo su Gazzetta del Sud – quella formulata questa mattina dal sostituto procuratore generale Felice Lima al processo d’appello “Patti & affari”. Si tratta dell’inchiesta che vede al centro gli appalti del servizi socio-assistenziali nel distretto sanitario D30 della zona tirrenica messinese in un vasto arco temporale, tra il 2008 ed il 2013, e che in primo grado registrò una “pioggia” di assoluzioni, 22 rispetto ai 29 imputati.

Le accuse contestate a vari titolo vanno dall’associazione a delinquere finalizzata a reati contro la pubblica amministrazione alla turbativa d’asta, dalla frode in pubblici servizi all’abuso d’ufficio, ed ancora alla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Il Pg Lima ha avuto parole di fuoco contro il sistema che scoperchiò quella inchiesta della Procura di Patti, ed ha invitato con forza i giudici d’appello a riconsiderare tutte le assoluzioni decise in primo grado.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione