“FUORI DAL TUNNEL”: APPALTI DEL CAS, CHIUSA L’INCHIESTA. 6 GLI INDAGATI.

17 Settembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Sei indagati. Un quadro di accuse che non è mutato. E’ questo l’atto di chiusura delle indagini preliminari dell’operazione ‘Fuori dal Tunnel’, l’indagine della sezione operativa della Dia che nel giugno scorso portò per l’ennesima volta al centro dell’attenzione della Procura l’attività del Cas, il consorzio delle autostrade siciliane. 

In questa inchiesta gli indagati principali sono due funzionari del Cas, l’ingegnere Angelo Puccia, che è anche consigliere comunale di Castelbuono, e il collega Alfonso Edoardo Schepisi; è coinvolto anche l’imprenditore Fabrizio Notari, rappresentante legale della Notari Luigi spa. Ma ci sono altri tre indagati nell’inchiesta, il cui nome compare nell’atto di chiusura indagini. Si tratta di Saverio Ferrazzano, imprenditore e amministratore della ‘Tindari scarl’ e della ‘Capo d’Orlando scarl’, dell’imprenditore Francesco Fundarò, che sarebbe entrato in gioco come sub-appaltatore dei lavori della galleria ‘S. Alessio’ e infine di Girolamo Ponzio, come dipendente dell’impresa che si occupò dei lavori di ripristino dell’asfalto lungo il viadotto Calamo. Li assistono gli avvocati Pierpaolo Caruso, Igor Costa, Pierluigi Varischi, Luigi Plati, Angela Cicciari, giuseppe Cincioni, Carmelo Scillia e Antonino Todaro. Gli indagati sono accusati di corruzione, falso ideologico, turbativa d’asta e truffa. L’inchiesta è stata coordinata dal procuratore aggiunto Rosa Raffa e dal sostituto Federica Rende. L’atto di chiusura indagine è siglato dal sostituto procuratore Marco Accolla.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione