Alessandro Geraci (M5s): «Istituire un bus navetta fra il parcheggio Zaera e il mercato Vascone»

1 Ottobre 2020 Politica

«Istituire un bus navetta nelle ore mattutine che colleghi il mercato Vascone con il parcheggio “Zaera”, nei pressi della villa Dante, che conta 216 posti auto praticamente inutilizzati nonostante la spesa di 6 milioni di euro per realizzarlo. I cittadini potrebbero così lasciare l’auto nel parcheggio e prendere comodamente il bus navetta fino all’ingresso del mercato, per poi fare il percorso inverso al ritorno. Un servizio che farebbe aumentare le vendite del mercato, garantendo inoltre nuovi introiti all’Amministrazione comunale e migliorando notevolmente la caotica viabilità della zona».
È la proposta avanzata dal vicepresidente della III Municipalità Alessandro Geraci durante la seduta della II commissione di stamani sui problemi interni ed esterni all’area mercatale, a cui ha preso parte l’amministratore del comitato di gestione del Vascone.

«L’amministratore Vinci – spiega l’esponente del M5s – ha illustrato quanto fatto fino ad ora dal comitato e dai mercatali che si occupano della manutenzione ordinaria, migliorando notevolmente la vivibilità all’interno e cercando di garantire un’adeguata esperienza di acquisto ai cittadini. Permane il disagio durante i giorni di pioggia, con continui allagamenti nei box di vendita: una problematica per la quale si attende l’esecuzione del progetto per la realizzazione di una nuova copertura. Per ciò che concerne l’esterno del mercato, -prosegue Geraci – la nota più dolente riguarda la viabilità, dato che né le Ztl lungo la via Catania né la presenza estemporanea dei vigili urbani risultano sufficienti ad evitare il parcheggio selvaggio davanti all’ingresso del mercato, con tanti cittadini che lasciano la loro auto anche lungo la stretta via San Cosimo, in cui vige il divieto di sosta. Il risultato è un autentico “tappo viabile” nelle ore mattutine che spinge molti potenziali consumatori ad abbandonare l’idea di acquistare all’interno del mercato, da qui la mia proposta in seduta di commissione, che mi auguro l’amministrazione prenderà in considerazione.>>

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione