SEQUESTRATI A CAPO D’ORLANDO QUASI 150.000 ARTICOLI PER FUMATORI POSTI IN VENDITA SENZA AUTORIZZAZIONE

2 Ottobre 2020 Inchieste/Giudiziaria

I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno sequestrato un’ingente partita di articoli per fumatori messi in vendita senza le prescritte autorizzazioni. In particolare, dal 1 gennaio di quest’anno, ai sensi della legge di bilancio del 2020, tali articoli possono essere venduti al pubblico soltanto dalle rivendite autorizzate, ovvero in possesso della specifica licenza, rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. In tale contesto, quindi, i Finanzieri della Tenenza di Capo d’Orlando, nell’ambito dell’intensificazione dei controlli nello specifico settore, disposta dal Gruppo di Milazzo, sottoponevano a controllo svariati esercizi commerciali, gestiti principalmente da soggetti di etnia cinese, sequestrando, in tre negozi siti nel comune Orlandino, oltre 142.000 articoli per fumatori (tra cartine e filtri atti alla realizzazione delle sigarette “fai da te”), illecitamente detenuti e posti in vendita senza la prescritta autorizzazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nonché in completa evasione d’accisa. Le Fiamme Gialle orlandine hanno contestato ai titolari delle attività la sanzione pecuniaria prevista dalla Legge sul Monopolio, che va da € 5.000 a € 10.000, nonché segnalato alla competente Agenzia Dogane e Monopoli l’eventuale applicazione della sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio commerciale.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione