Si ripopolano le aule dell’Ateneo, il Rettore accoglie gli studenti in presenza

5 Ottobre 2020 Culture

Con la ripresa delle lezioni​ del primo semestre dell’anno​ accademico​ 2020/21, stamane, sono tornate a ripopolarsi le aule dei vari Dipartimenti dell’Università di Messina. Nel pieno rispetto delle limitazioni di sicurezza e del necessario distanziamento imposto dalla legge per contenere la pandemia da COVID-19, l’attività didattica è ripartita in modalità mista​ (blended), con alcuni studenti collegati in streaming ed altri presenti nelle varie sedi dipartimentali.​ Ad Ingegneria i giovani sono stati accolti dal Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, visibilmente contento e soddisfatto per questo ritorno alla ‘normalità’: “ L’Ateneo riapre, i ragazzi e le ragazze sono presenti nei Dipartimenti e tutto questo è un segno di come​ i sacrifici fatti sono stati ripagati, dai loro occhi si può intuire la voglia di tornare alla normalità. Questa è l’Università che ci piace; la comunità accademica non ha mai lesinato impegno per arrivare a questo giorno. Bisogna ripartire, siamo molto fieri di poter vedere i giovani in​ aula, al meglio, in armonia ed​ in sicurezza”.​

Anche la prof.ssa Ida Milone, Direttore del Dipartimento di Ingegneria ha salutato con gioia il ritorno degli studenti in aula: “E’ una grandissima emozione riavere gli studenti in Dipartimento, immagino che lo stesso sentimento valga anche per i miei colleghi. Gli studenti hanno più volte chiesto e desiderato il ritorno nelle aule e ritengo che la risposta di tutto l’Ateneo sia stata importante”.​ ​

L’Università di Messina si è, così, ​ riappropriata, della sua identità di luogo fisico in cui le persone si incontrano per apprendere e scambiarsi saperi e conoscenze, nella consapevolezza di dover affrontare un anno accademico complicato ma pieno di fiducia e buona volontà.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione