Covid 19 al viadotto Ritiro: le precisazioni del presidente delle Autostrade, Restuccia

10 Ottobre 2020 Cronaca di Messina

In merito alla notizia diffusa a mezzo stampa relativa a due casi Covid tra i lavoratori impiegati presso il cantiere del viadotto Ritiro, il Presidente del Consorzio Autostrade Siciliane, avv. Francesco Restuccia, sentiti i responsabili della società appaltatrice, Toto S.p.A. Costruzioni Generali, precisa che nella giornata di ieri, venerdì 9 ottobre 2020, a titolo precauzionale alcuni impiegati del cantiere si sono sottoposti volontariamente a tampone presso il laboratorio Emmi di Taormina. Dagli esami effettuai due dipendenti, che svolgono attività amministrativa in stanze singole nei container predisposti ad uffici, sono risultati positivi al COVID 19. I due impiegati sono stati immediatamente avviati alla quarantena e il laboratorio ha provveduto, come da protocollo, a segnalarli all’ASP competente.

Nonostante al momento non siano identificabili rapporti stretti e diretti con altro personale del cantiere, a seguito di quanto sopra e in ottemperanza alle prescrizioni previste, è già stata predisposta una sanificazione straordinaria degli uffici e tutto il personale sarà sottoposto a tampone.

Nel frattempo i lavori stanno proseguendo come da programma, anche nel weekend, senza subire alcun rallentamento o ritardo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione