Gestiva un “market” della droga in casa anche in pieno lockdown: divieto di dimora per un 61enne

15 Ottobre 2020 Cronaca di Messina

Gli agenti del Commissariato di Barcellona Pozzo di Gotto hanno eseguito l’ordinanza di misura cautelare del divieto di dimora e di accesso nelle regioni Sicilia e Calabria, emessa dal Tribunale di quel centro, a carico di un 61enne accusato di essersi reso responsabile di traffico e detenzione di sostanze stupefacenti.

L’uomo, già detenuto per gli stessi reati, era stato arrestato lo scorso giugno dai poliziotti dello stesso Commissariato quando fu trovato in possesso di cocaina e 9.000 euro in contanti, verosimile provento di spaccio.

Le successive indagini, coordinate dall’autorità giudiziaria, hanno accertato che l’uomo aveva organizzato presso la sua abitazione un vero e proprio “supermercato” della droga, con decine di “clienti” che giornalmente si mettevano in coda per acquistare droga. Anche in pieno lockdown sono stati documentati centinaia di episodi di cessione con conseguenti segnalazioni amministrative e sequestri di sostanza stupefacente.

Dalle indagini è emerso inoltre che il 61enne, ritenendo delatori alcuni residenti della zona in cui abita, abbia posto in essere delitti minatori danneggiando un portone e lasciando uno strofinaccio nel foro della porta, quale inequivocabile invito a non denunciare.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione