LA PRESIDENTE ANPIT SICILIA, LIDIA DIMASI, ELETTA NEL CONSIGLIO NAZIONALE

21 Ottobre 2020 Cronaca di Messina

A conclusione del Congresso nazionale Anpit, Lidia Dimasi (presidente Anpit Sicilia), è entrata a far parte del Consiglio nazionale. Il Congresso, articolato su 3 giorni di lavori e tenutosi alle Officine Farneto di Roma, ha visto gli interventi del ministro Francesco Boccia, della presidente della Commissione problemi economici del Parlamento Europeo Irene Tinagli e di numerosi parlamentari.

Il nostro compito è sostenere le imprese negli sforzi per superare la crisi e riemergere più forti e resilienti- ha dichiarato nel suo intervento Lidia Dimasi- Dobbiamo supportare le aziende nella doppia sfida dell’inclusione digitale e della transizione ecologica. Gli obiettivi individuati a livello europeo dal Green Deal e dalla Next Generation Eu possono essere raggiunti se non lasciamo sole le imprese in questa delicata fase”.

La presidente dell’Anpit Sicilia si è poi soffermata su quella che ha definito “l’emergenza nell’emergenza”: le alte percentuali di donne che dalla pandemia ad oggi hanno perso il posto di lavoro, hanno chiuso le aziende, sono uscite dal circolo produttivo.

Se è ancora bassissima la percentuale delle donne imprenditrici nei ruoli apicali- ha spiegato- il lockdown ha fatto registrare un numero altissimo di imprese al femminile travolte dalla crisi. Sono più di 200 mila le donne in cerca di lavoro e tra i dati di chi il lavoro lo ha perso le donne rappresentano oltre il 70%. Come Anpit dobbiamo supportare l'imprenditoria femminile, favorire il loro empowerment e colmare così il gap di genere che ancora oggi purtroppo pesa notevolmente sulle pari opportunità tra uomini e donne. L’Agenda 2030 impone a livello mondiale questa sfida per superare ogni disparità”.

Il presidente Anpti Federico Iadicicco (riconfermato a fine Congresso), ha colto l’appello di Lidia Dimasi annunciando la creazione di un Dipartimento ad hoc per l’empowerment femminile volto a proporre soluzioni in comparti che vedono ancora oggi le imprese al femminile penalizzate e scarsamente sostenute.

A conclusione dei lavori si è inoltre deciso che l'associazione nazionale per l'industria ed il terziario prenda la nuova denominazione di Confederazione azienda Italia. Infine è stato presentato il centro Studi art.46. 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione