Messina. Consegnati i progetti di 14 nuovi parcheggi

29 Ottobre 2020 Politica

Sono stati recapitati questa mattina, alla sede dell’Assessorato regionale alle Infrastrutture e Trasporti, i plichi contenenti i progetti esecutivi relativi a 14 parcheggi a raso di interscambio della città di Messina.

L’assessore comunale alla mobilità, Salvatore Mondello, ha seguito le operazioni di consegna affidando all’assessore Marco Falcone l’imponente mole di elaborati che ha impegnato per un anno l’Amministrazione comunale e gli uffici tecnici per la realizzazione di infrastrutture essenziali per il ristoro della mobilità cittadina e quindi dell’intera comunità.

Palmara, San Cosimo, Via Catania, Europa Est, Europa Centro, Europa Ovest, Campo delle Vettovaglie (ampliamento), Giostra Sant’Orsola, Bordonaro, San Licandro, Viale Stagno D’Alcontres (Salita Papardo), Santa Margherita, Gazzi Socrate, Gasometro: questi i nomi dei 14 parcheggi di prossima costruzione.

Un percorso che nasce nell’aprile del 2019, con le modifiche alla delibera del Piano Urbano Parcheggi e si conclude con i progetti esecutivi, per ottenere le somme per la predisposizione del bando di gara e quindi per la realizzazione delle opere.

“E’ sicuramente un giorno da ricordare – ha commentato Mondello – che mi rende estremamente felice, per essere riuscito ad ottenere questo grande risultato, nato da un lavoro duro ma sinergico. Per questo ringrazio l’assessore Falcone per la costante disponibilità e per l’affezione mostrata verso la città di Messina; ringrazio anche il Consiglio comunale, che ha supportato le scelte strategiche dell’Amministrazione e naturalmente tutti i tecnici che a vario titolo hanno collaborato, ovvero rup, professionisti esterni, con i quali si è lavorato fianco a fianco, cercando di dirimere le criticità e individuare le soluzioni più veloci ed efficaci. I progetti in realtà sono 15; l’ultimo è in fase di stand by per la questione della rotatoria dello svincolo di Giostra, ma ci impegneremo per risolvere anche questa. Il realizzando complesso di parcheggi, potenzia il piano di trasporto pubblico di Atm Spa, rappresentando un’offerta determinante per l’utenza, di utilizzo dei mezzi pubblici, avendo la possibilità di lasciare l’auto in prossimità delle fermate dei vettori gommati o su rotaia. Peraltro, si tratta di costruzioni a raso, che sono notoriamente più gradite, in quanto facilmente fruibili. Siamo di fronte ad una vera e propria rivoluzione infrastrutturale che, se accompagnata da necessarie e sane modifiche nelle abitudini quotidiane dei cittadini, può portare alla svolta tanto sperata per Messina, ponendola in linea con le grandi città del nord che apprezziamo quando siamo fuori casa. E’ necessario uno sforzo collettivo, l’Amministrazione comunale c’è e lo sta dimostrando, fornendo gli strumenti per un cambio di rotta che restituisca dignità, decoro ed efficienza al nostro territorio. Tale attività è la prima in termini di raggiungimento di obiettivi, della visione più complessiva della rivisitazione della mobilità cittadina. Il Pgtu è stato infatti già adottato ed è in fase di definitiva approvazione; è stata completata la fase del quadro conoscitivo del Pums, che sarà definito nel minor tempo possibile”.

I parcheggi di interscambio potranno essere realizzati attraverso i finanziamenti previsti dal bando per l’attuazione di una “Linea di intervento in favore dei Comuni di Palermo, Catania e Messina, per la realizzazione dei parcheggi urbani di interscambio per il decongestionamento dei centri urbani e lo scambio con i sistemi di trasporto collettivo urbano ed extraurbano, la riduzione degli inquinamenti acustici ed atmosferico, nonché il risparmio energetico”, approvato dal competente Dipartimento regionale. Per il Comune di Messina sono state stanziate risorse economiche per circa 16 milioni di euro.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione