Acque sporche nel canale Margi, denunciato il titolare di un autolavaggio

31 Ottobre 2020 Cronaca di Messina

Nell'ambito del controllo del territorio la Polizia Specialistica diretta dal Comandante vicario commissario Giovanni Giardina, coadiuvato dalla squadra Spiaggia e Torrenti coordinata dall'ispettore Giacomo Visalli è intervenuta a Granatari, unitamente alla Polizia Metropolitana, all'Arpa sezione di Messina e all'Amam al fine di individuare le cause che negli ultimi giorni hanno visto cambiare il colore delle acque del canale Margi, da limpide e trasparenti, come deve essere un'oasi naturale protetta dal vincolo naturalistico denominato Natura 2000, a bianco latte con riflessi rossi. Il personale Arpa ha provveduto al campionamento delle acque in più punti; l'Amam ha verificato numerose condotte della rete fognaria limitrofa al canale, mentre la Polizia Municipale, congiuntamente alla Polizia Metropolitana, ha ispezionato numerose attività commerciali e due aree di servizio. Gli agenti hanno verificato il mancato rispetto delle prescrizioni imposte dall'AUA di cui era in possesso il titolare di un autolavaggio. Constatate le condizioni dell'impianto, privo dei requisiti e delle condizioni per poter continuare l'attività, gli agenti operanti hanno apposto i sigilli e deferito il titolare all'autorità giudiziaria per la violazione D.Lgs. 152/06. In attesa dei risultati delle analisi di laboratorio dei campioni prelevati, sono in corso le indagini per individuare eventuali responsabilità da parte di soggetti operanti o residenti nella zona.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione