Galluzzo: “Brutta pagina politica. Conte punisce la Sicilia, ma i soldi quando arrivano?”

5 Novembre 2020 Politica

Mentre Pd, Italia Viva e 5Stelle, nonché il sindaco Cateno De Luca, attribuiscono a Musumeci le responsabilità della Sicilia qualificata come zona arancione, nel centro destra si levano gli scudi a favore della giunta regionale.

Galluzzo: brutta pagina politica

“Assistiamo a una bruttissima pagina politica. Il governo Conte si è inventato il sistema dei “colori” alle regioni per punire politicamente e a convenienza ora uno ora l’altro, in modo da creare dissenso verso quei governi regionali che non sono allineati come la Sicilia”. Così commenta Pino Galluzzo, deputato regionale di Diventerà Bellissima dopo la decisione del governo nazionale di dichiarare la Sicilia zona arancione.

“I soldi quando arrivano?”

Conte ed il suo governo inconsistente- prosegue Galluzzo- invece di dare gli aiuti che servono economicamente, passerà tutta la pandemia a dare giudizi politici a questo o al quel governatore a piacere, distogliendo l’attenzione sul tema vero: ma quando arrivano i soldi per chi è costretto a chiudere? Mi unisco all’indignazione dell’assessore Razza sulle farneticazioni sui posti letto in Sicilia. I nostri indici di occupazione dei posti letto sono ben al di sotto della soglia di allarme.”

Siracusano: danni economici

Posizione analoga per la deputata azzurra Matilde Siracusano: “Una decisione incomprensibile e ridicola, che non tiene conto dei dati reali dei contagi e dei posti letto in terapia intensiva. In Sicilia la decisione dell’esecutivo avrà pesantissime ripercussioni economiche. Imprenditori, commerciati, lavoratori siciliani saranno gravemente colpiti da una scelta che fatichiamo davvero a comprendere”.

Amata: battaglia unilaterale

Interviene anche la capogruppo Ars di Fratelli d’Italia Elvira Amata: Siamo al cospetto di una battaglia politica unilaterale fatta di ripicche, antipatie e antagonismi. Il ministro Speranza più che della Salute, ha dimostrato di essere il ministro di LeU, creando ad hoc per la Sicilia la zona arancione, e lasciando in zona gialla due regioni come Lazio e Campania che il giorno prima davano tutti tra le zone rosse e che sono state miracolate in quella gialla. Forse il Covid sarà miracolosamente scomparso in una notte! Non è un modo serio di affrontare questa emergenza”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione