Patto “antimafia” tra Prefettura e Neurolesi, maggiori controlli sugli appalti della sanità messinese

10 Novembre 2020 Cronaca di Messina

Un protocollo per tenere alta l'attenzione e impedire le possibili infiltrazioni criminali sugli appalti nella sanità messinese. E' quanto hanno firmato stamane in Prefettura il prefetto Maria Carmela Librizzi e il direttore generale dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico – Centro Neurolesi Bonino Pulejo di Messina, Vincenzo Barone.

L’esigenza di elevare le cautele antimafia e di valorizzare il preminente interesse pubblico alla legalità ed alla trasparenza è connessa, tra l’altro, al finanziamento pubblico, pari a 91 milioni di euro, che il “Centro Neurolesi Bonino Pulejo” ha ottenuto dal Ministero della Salute per interventi di edilizia sanitaria da realizzare presso le infrastrutture dei Presìdi Ospedalieri “Piemonte”, “Centro Neurolesi” ed “Istituto Marino” di Messina.

"Con tale intesa - spiega Palazzo del Governo -  si intendono innalzare i livelli di sicurezza e di legalità, mediante la previsione di maggiori controlli antimafia, operati dalla Prefettura sia nell’individuazione dei mezzi e delle maestranze utilizzate dall’aggiudicatario di appalti pubblici, che in relazione all'intera filiera degli esecutori, di cui lo stesso si avvale. In particolare, al fine di potenziare i controlli sull’affidabilità degli operatori economici, il “Centro Neurolesi Bonino Pulejo” si impegna - in deroga alle soglie di valore previste dalla normativa vigente - a richiedere l’informazione antimafia tramite richiesta nella Banca Dati Nazionale Unica (B.D.N.A.) per ogni tipologia di appalto, subappalto e concessione, indipendentemente dal valore economico".

Con la sottoscrizione di tale accordo, il “Centro Neurolesi Bonino Pulejo” si impegna affinché l’affidamento di ciascun appalto tuteli efficacemente la sicurezza delle condizioni di lavoro delle maestranze impiegate, la loro salute e la tutela dell’ambiente, e ciò anche in presenza di affidamenti di opere in subappalto.

Il prefetto Librizzi, a conclusione dell’incontro, ha sottolineato la rilevanza dell’odierno Protocollo quale presidio di legalità, la cui l’attività di controllo e di verifica demandata alla Prefettura consente di intercettare tempestivamente le possibili interferenze di organizzazioni criminali.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione