OPERAZIONE ‘CESARE’, LO SPACCIO A GIOSTRA: PAOLO GATTO E IL PESO TRUCCATO

12 Novembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Di Edg - Il 4 maggio di 4 anni fa all'interno dell'auto di Giuseppe Marino, viene intercettata una conversazione in cui Paolo Gatto (nella foto, attualmente detenuto per altra causa), cl. ‘97, figlio del più noto Giuseppe GATTO inteso “Puccio” e che è oggi detenuto in regime carcerario di art. 41 bis, riceve un ordine di 5 grammi di marijuana e confessa che darà all'acquirente non più di 4 grammi perchè sembra più del peso effettivo, dovendo guadagnare almeno dieci euro al grammo, il doppio di quanto l'ha acquistata.

IL TRABOCCHETTO.

Ecco una sintesi dell'intercettazione pubblicata all'interno dell'ordinanza dell'operazione 'Cesare',  in cui Gatto conversa con Marino sulle modalità di spaccio 'col trucco': Marino: 10 grammi sembrava 50 grammi... mi facevano, dammi 10 grammi, 5 grammi sembrava tanta, sembrava di più di 10 grammi; Gatto: e gliela davi? Marino: eh; Gatto: e non tornavano indietro? Marino: che tornavano indietro, la minchia? Gatto: era buona? Marino: mai nessuno è venuto...minchia, ti facevi una canna prendevano i capogiri; Gatto: e se la pesavano? Marino: no, non lo sapevano; Gatto: questi neppure... non se la pesano... e gliela... inc... perchè io devo prendere 10 euro al grammo, non mi interessa, il doppio di quanto la compro, anzi pure di più, che cazzo me ne fotto? Oltre le stecche... appena...inc... quanto sono 5? 5 stecche, 0 e 8 a stecca... 40... ciao... 4 grammi 35 euro... non è buono? Marino: tu prendi... gliela rompi a pezzettini e gonfia e loro sono contenti... Gatto: coniglio di merda; Marino: quant'è una cima, tanta? 5 grammi? E' un grammo... inc... pezzettini e gliela gonfi... in quella maniera loro se la prendono a vizio... l'altro giorno a quello gli ho dato... voleva 10 grammi, gli ho detto non ce l'ho, ho i cimettini tanti, gli ho detto... inc... prende e mi ha detto 30 euro... minchia non aveva nemmeno un euro, ho detto che cazzo con questo? Gatto: gliela data tutta? Marino: no, un bel pò; Gatto: Tutta cimentino? Marino: sai quanto potevano essere? qualche grammo e mezzo... 30 euro, non aveva neppure un euro in tasca...

Nella tarda serata dello stesso giorno, all'interno del veicolo di Marino, viene intercettata un'altra conversazione in cui Gatto confessa che nel solo pomeriggio ha ricavato dall'attività di spaccio circa trecentosessanta euro e che per frodare gli acquirenti nel peso mette la carta, così i clienti non si accorgono del peso effettivo, anche perchè spesse volte la rivendono a terze persone così, pur di trattenere una parte della sostanza per loro, che Gatto gli mette fuori da sacco, non si ribellano. 

Gatto nel rivolgersi a Marino ammette che quando gli ordinano dieci grammi la fa pagare settanta euro, ma in effetti gli dà non più di sette, otto grammi: Marino: 10 grammi? Gatto: ma quale? gliene ho data qualche 7 grammi, gliel'ho fatta, quella a 2 e mezzo, 2 e 1 con tutta la busta... quella là 4 e mezza che l'ha voluta separata... 4 e 1 e gli ho regalato qualche 0 e 8, gliel'ho data a lui... e la sua la voleva 3 e mezzo e gliel'ho fatta 2 e 1... 10 grammi volta... in tutto io ho speso qualche 6 grammi... ora 20 grammi nelle stecche... la verità, cammina la stecca..... Sempre Gatto: io oggi ho fatto qualche 370 euro, solo pomeriggio e ho giocato un'ora a pallone, Peppe... 370!

Marino incuriosito chiede a Gatto quale fosse il trucco. Gatto: vedi, vengono col bilancino, se non ci sai fare non li hai fatti. Io che faccio? Gli metto la carta di fuori tutta chiusa, se è il caso di dentro gli faccio una stecca, gliela metto con l'erba là dentro però c'è la carta e pisa!! L'ho preso a trabocchetto, gli ho detto arriviamo a 4 e mezzo, invece che gliela metti a lui mettitela nella tua, scimunito, te la fumi tu... gli ho detto gliene devi dare 3 e mezzo, te lo sei tirato pure tu ed hai guadagnato pure un grammo, 3 grammi ce l'hai e sono 4, che vuoi di più? 70 euro... Io a 7 gliel'ho fatta... 70 euro io il mio dovere lo faccio coniglio, lo devo salare, a 10 gliela devo fare? a 7, economica...

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione