Capitale della cultura 2022, Trapani fra le dieci finaliste italiane

18 Novembre 2020 Culture

Tra le città in corsa per essere nominate “Capitale della Cultura 2022” c’è anche Trapani, che infatti è fra le dieci finaliste italiane insieme ad Ancona, Bari, Cerveteri (Roma), L’Aquila, Pieve di Soligo (Treviso), Procida (Napoli), Taranto, Verbania e Volterra (Pisa). In particolare, il comune di Trapani parteciperà con un progetto dal titolo “Capitale italiana delle culture euro-mediterranee. Trapani crocevia di popoli e culture, approdi e policromie. Arte e cultura, vento di rigenerazione”.

Per sostenere la città, l’associazione Movimento 5 Stelle Sicilia sosterrà la candidatura con una donazione di 25 mila euro, frutto del taglio degli stipendi dei deputati del gruppo M5S Ars, per la realizzazione di progetti culturali. Stessa donazione che i pentastellati faranno alle altre città che erano in lizza, per un totale di 100 mila euro.

“Abbiamo creduto sulla candidatura di Trapani fin dall’inizio – spiegano i deputati – e speriamo che questo riconoscimento possa essere un atto concreto che dovrà necessariamente coincidere con la ripresa economica, il ritorno dei turisti e la fruizione della città dopo la pandemia che stiamo vivendo. La stessa cifra di 25 mila euro verrà da noi consegnata a ognuna delle tre città siciliane che si erano candidate, ma che non sono rientrate fra le dieci selezionate. Questo è anche il motivo che ci ha portato a confermare la nostra donazione complessiva di 100 mila euro”.

“Ad oggi purtroppo – sottolineano i portavoce M5S – registriamo la totale assenza della Regione Siciliana. Speriamo, però, che almeno adesso qualcuno informi il presidente Musumeci che la Sicilia, grazie alla città di Trapani, è in finale e che, forse, è arrivato il momento di contribuire adeguatamente alla scommessa dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giacomo Tranchida, accanto evidentemente allo stesso Movimento 5 Stelle Sicilia. La prossima settimana saremo proprio a Trapani dove, insieme all’amministrazione e alle nostre portavoci in consiglio comunale Francesca Trapani e Chiara Cavallino faremo un sopralluogo per conoscere i luoghi che la città intende valorizzare”.

“La donazione del Movimento 5 Stelle per Trapani sarà indirizzata alla realizzazione di opere d’arte pubblica che vogliono valorizzare contesti urbani marginali, dialogare con la collettività che li abita e aprirsi al dialogo fra le culture: le idee sono, chiaramente, in fase di elaborazione. Ed è proprio su questo aspetto specifico che in queste ore è intercorsa una proficua video riunione fra la presidente dell’associazione Movimento 5 Stelle Sicilia, Stefania Campo, il sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida e la sua assessora Rosalia D’Alì, durante cui è stato tracciato il percorso di collaborazione fattiva fra il Movimento stesso e l’amministrazione trapanese. Le audizioni delle città finaliste sono previste per il 14 e 15 gennaio prossimo mentre la decisione da parte del Consiglio dei Ministri è prevista per il 18 gennaio 2021. A nostro parere anche Modica, Scicli e Palma di Montechiaro, che erano candidate, vanno assolutamente ringraziate per il grande sforzo compiuto nell’aver puntato sulla cultura, l’arte e la valorizzazione dei beni culturali. Per questo – concludono i deputati Ars – faremo anche a queste città donazioni da 25 mila euro che dovranno utilizzare per progetti di riqualificazione urbana per un totale di 100 mila euro”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione