I mercatini di Natale sequestrati nel 2013 a Messina: nessun reato

18 Novembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Si chiude con un’assoluzione il processo nato dal così detto caso dei mercatini di Natale di piazza Duomo nel 2013, quando furono sequestrati i 28 stand montati a Largo San Giacomo per le feste natalizie.

E’ stato assolto per la “particolare tenuità del fatto” il commerciante Antonino Corona, 62 anni, imputato di false attestazioni, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e occupazione abusiva di suolo pubblico. La sentenza è del giudice monocratico che ha accolto le richieste del difensore, l’avvocato Cesare Santonocito.

Il legale ha ricordato che la concessione da parte del Comune degli spazi per gli stand era stata effettuata con la formula del baratto amministrativo, per consentire di allestire addobbi e altre attività di animazione natalizie a costo zero per Palazzo Zanca.

I dubbi sulla concessione alla onlus Messina Lavora di Corona erano sorti all’interno di Palazzo Zanca ed erano finiti sul tavolo della magistratura, che aveva ordinato alla Polizia Municipale di mettere i sigilli al mercatino perché abusivo. Ed era scattata anche la immancabile interrogazione del consigliere comunale Daniele Zuccarello al sindaco Renato Accorinti. Fonte: Tempostretto.it

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione