Si è spento il costruttore Gianni Puglisi

20 Novembre 2020 Cronaca di Messina

«Mi chiamano ingegnere, io sono geometra». Diceva orgoglioso di sè e del lavoro fatto. Nel periodo tra gli anni Settanta e l'inizio degli anni Novanta Gianni Puglisi era tra i costruttori più noti a Messina e in Sicilia. Ha realizzato complessi edilizi in città e in provincia, da San Licandro a Rometta. È stato presidente della Scuola edile e dell'Ance. La sua impresa ha costruito il Palasport di San Filippo. E suo figlio, Pippo, ha guidato per anni l'Associazione degli industriali della provincia di Messina. Si è spento ieri, dopo una vita operosa, dedicata al suo lavoro, alla famiglia e a un'altra grande passione: il calcio.

Era tifosissimo del Messina, Gianni Puglisi. Una passione così forte che lo portò a prendere le redini della storica Acr nella stagione 1982-83, quella trionfale che sarebbe terminata con la promozione in C1. Nei primi anni Ottanta l'imprenditore edile legò il suo nome al club giallorosso prendendo il posto di Lamberto Sapone alla presidenza e poi rilasciandolo a Michelangelo Alfano proprio nei mesi che precedettero l'arrivo in società di Turi Massimino.

Puglisi riportò la C1 in città con Ballarò in panchina e poi firmò alcuni ingaggi importanti per quei tempi, - come Caccia, Ceccarini, Repetto e Silva, giocatori con presenze anche in A. Negli ultimi anni si era ritirato nel suo “eremo” di Fondachelli Fantina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione