I creatori di Mimmo e Stellario firmano il videoclip del brano di Paolo Palumbo (e Achille Lauro)

27 Novembre 2020 Culture

È ideato e diretto da Giovanni e Marcello Crispino di Uollascomix Studio, autori del cartone animato messinese di Mimmo e Stellario, il videoclip del brano “Quella notte non cadrà”, nuovo singolo del cantante Paolo Palumbo, in collaborazione con Achille Lauro. Malato di Sla (sclerosi laterale amiotrofica) dall’età di 17 anni, l’artista sardo si era esibito lo scorso febbraio sul palco dell’Ariston, commuovendo il pubblico di Sanremo con la canzone “Io sono Paolo”.

Il filmato, in cui trailer è stato pubblicato dall’Ansa, è un piccolo gioiello in animazione pensato come un viaggio onirico di Paolo, dove i ricordi felici della sua infanzia si scontrano con la durezza del presente. Personaggi ricorrenti del video sono L’Equilibrista Bambino, che rappresenta il difficile tentativo di Paolo di rimanere in equilibrio nonostante le difficoltà, e la Tigre, che ne rappresenta invece le paure. A domare la Tigre sarà Achille Lauro, visto come un alter ego che aiuta e protegge Paolo. La condizione di Paolo è rappresentata in maniera diretta e senza filtri, ma in questo sogno la sua sedia si trasforma in un’astronave che gli permette di compiere imprese straordinarie. Alcune citazioni, più o meno evidenti, sono inserite lungo la narrazione. Tra queste: il romanzo di Yann Martel “Life of Pi”, nella scena della barca; la luna di George Melies che rappresenta l’impresa impossibile, e la pittura giapponese di Katsushika Hokusai (la tigre e le onde).

Paolo Palumbo è nato a Nuoro nel 1997 e vive ad Oristano con la sua famiglia. A 17 anni Paolo è un ragazzo pieno di amici, con una bella famiglia e il sogno di diventare chef. Un giorno in cucina il coltello gli sfugge di mano e lui pensa ad una distrazione. Ma i brutti segnali aumentano e, dopo una serie di accertamenti, la diagnosi è senza appello: SLA. sclerosi laterale amiotrofica, di cui Paolo diventa il più giovane ammalato d’Europa. Nel giro di pochi anni si manifestano le conseguenze estreme della malattia: paralisi completa, impossibilità di respirare autonomamente, di deglutire cibo di qualsiasi consistenza – proprio lui che al cibo voleva dedicare la sua vita – di parlare emettendo suoni. Ma Paolo non si lascia andare, non si arrende, diventa un tutt’uno con suo fratello Rosario che lascia tutto per stargli accanto e, sostenuto dall’amore della famiglia, continua ad inseguire i suoi sogni realizzando obiettivi incredibili.

Nel 2017, grazie alla sua passione per la cucina e alle sue competenze come chef, ha pubblicato con Luigi Pomata il libro “Sapori a colori” che raccoglie tante ricette pensate per tutti coloro che hanno problemi di deglutizione o altre patologie che impediscono un normale procedimento di nutrizione. Nel 2020 è ospite di Amadeus al Festival di Sanremo dove ha fatto ascoltare il brano autobiografico “Io sono Paolo”. Ad ottobre dello stesso anno pubblica la sua autobiografia “Per volare mi bastano gli occhi”, la testimonianza straordinaria di un ragazzo speciale, un racconto profondo e sincero di attaccamento alla vita, in qualsiasi circostanza. Il 27 novembre esce in radio e in digitale il singolo “Quella notte non cadrà” feat. Achille Lauro che anticipa un album ricco di collaborazioni in uscita nel 2021, prodotto da Enrico Melozzi (Fonte Ansa).

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione