Mozione contro l’ordinanza del sindaco, interviene anche il Gruppo di Iniziativa Civica “RispettoMessina”

27 Novembre 2020 Politica

“Si apprende che venerdì in consiglio comunale verrà analizzata la mozione firmata da 19 consiglieri con cui viene chiesta la radicale modifica dell’ultima ordinanza sindacale. Mozione che può essere anche integrata, per cui sarebbe opportuno chiedere la cassazione della parte in cui viene ordinato ai singoli cittadini il divieto assoluto di stazionamento e permanenza in tutto il territorio comunale“. Così, in una nota, il Gruppo di Iniziativa Civica “RispettoMessina”.

“Un paragrafo che costituisce una autentica aberrazione perché impedirebbe ai cittadini (che non sono da considerare solo come “tubi digerenti”) di poter godere della libertà di uscire di casa, non per comprare qualcosa o mettersi a correre in maniera compulsiva, ma semplicemente per prendere una boccata d’aria, anche se parziale, o stare fermi ovunque si possano trovare”, evidenziano.

“Questa parte, “dalla mancanza di sen sfuggita” sembra una autentica follia che stride con ogni minimo senso logico, se ancora di logica si può parlare con riferimento ai provvedimenti di questo sindaco e della sua amministrazione . E soprattutto comprende una pericolosa visione del cittadino visto non come “persona” ma come semplice consumatore, con una limitazione graduale dei suoi diritti fondamentali”, concludono.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione