Messina, insultò e aggredì una professoressa del Bisazza: condannata la madre di un alunno

30 Novembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

La mamma di un alunno contro la professoressa, “rea”, a suo giudizio, di aver riservato al ragazzo un trattamento umiliante. I fatti si riferiscono al 7 dicembre 2016, a cui sono seguiti una sentenza di primo grado, nel 2019, mentre lo scorso settembre si è consumato il passaggio in Corte d'appello. Adesso è divenuta definitiva la condanna a carico della donna, a cui il giudice della Corte d'appello Alfredo Sicuro ha imposto il risarcimento in favore della parte civile - difesa dall'avvocato Giovanni Caroè - della somma di mille euro a titolo di risarcimento del danno e di altri 900 euro a titolo di rifusione delle spese sostenute nel processo.

Dichiarata colpevole una quarantasettenne messinese, assistita dall'avvocato Pietro Fusca, chiamata a rispondere dei reati di lesioni personali aggravate e oltraggio a pubblico ufficiale. Prima del suono della campanella, «mentre un'insegnante dell'Istituto scolastico superiore Felice Bisazza si stava recando nella sala docenti, aggrediva la persona offesa, strattonandola e tirandole i capelli, cagionandole lesioni giudicate guaribili in due giorni», si legge nelle carte del procedimento penale, da cui si evince, altresì, che avrebbe rivolto alla prof l'espressione «“bastarda e pazza”, offendendone così l'onore e il prestigio a causa dell'esercizio delle sue funzioni». Ma sul suo capo pendeva anche l'accusa di interruzione di pubblico servizio, addebito poi cancellato il 31 maggio 2019 dal Tribunale di Messina, con sentenza di assoluzione. Fu però ritenuta responsabile degli altri due capi d'imputazione e incassò 3 mesi di reclusione, con la concessione della sospensione condizionale e della non menzione.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione