Messina, dipendente Atm muore in servizio stroncato da un infarto

5 Dicembre 2020 Cronaca di Messina

Stroncato da un infarto mentre prestava servizio nella sede dell’ATM. Così è morto stamani, Lillo De Domenico, un dipendente sessantenne della partecipata che gestisce il servizio trasporti di Messina. L’azienda e i colleghi lo ricordano in un post su Facebook, esaltandone le doti umane e professionali.

"E’ facile, in queste circostanze, scadere in luoghi comuni e frasi fatte, pensieri vuoti e di circostanza - scrive, ricordandolo il sindacalista della Uil Trasporti Michele Barresi - ma ricordare la correttezza e la dedizione di Lillo De Domenico è la pura verità confermata dal sincero cordoglio di ogni dipendente di questa Azienda che ha avuto l’onore di godere della sua simpatia e leggerezza. Si, perché la voglia di fare il proprio dovere, giornalmente, sempre col sorriso sulle labbra era la caratteristica di Lillo che più ti colpiva. Non sapremo mai cosa gli sia passato per la mente negli ultimi istanti della sua vita terrena, ma sappiamo che è andato via così come ha vissuto, sorridente, sempre e comunque, disponibile sul posto di lavoro pronto a compiere il suo dovere con i suoi compagni e per la sua Azienda".
L’Atm tutta si stringe attorno al dolore della famiglia e dei colleghi della squadra manutenzione che, più da vicino, hanno avuto l’onore di stare al fianco di Lillo e che hanno prestato i primi soccorsi. Ad intervenire anche una squadra del 118 che repentinamente ha raggiunto l’Azienda facendo tutto il possibile per strappare alla morte il caro Lillo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione