FAI: Antiracket. Lamorgese, “Rompere il muro dell’omertà ancora presente in settori della società civile”

7 Dicembre 2020 Cronaca di Messina

“Lo Stato deve intercettare le esigenze dei cittadini ed anticipare la criminalità organizzata”. Lo ha ribadito oggi il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, nel suo intervento all’evento organizzato dalla Federazione delle associazioni antiracket e antiusura italiane (Fai) per celebrare la nascita, proprio il 7 dicembre di trent’anni fa, della prima associazione antiracket.
“Dal coraggio di pochi, è nata un’esperienza innovativa”, il tributo della titolare del Viminale che ha evidenziato come, in questo periodo caratterizzato da una crisi economica causata dalla pandemia, è alto il rischio che le organizzazioni criminali possano approfittare delle difficoltà di molti imprenditori per inserirsi nell’economia sana. “Ai cittadini e alle imprese chiediamo un atto di fiducia e una chiara scelta di legalità, il rifiuto di rivolgersi al credito illegale e a forme di sostegno sommerso”, ha proseguito Lamorgese, secondo cui “bisogna rompere il muro dell’omertà ancora presente in settori della società civile che, non denunciando, di fatto si dimostrano contigui o comunque assuefatti alla corruzione alla intimidazione”.

Sono intervenuti, tra gli altri, oltre al presidente Fai, Luigi Ferrucci, e al presidente onorario Tano Grasso, il prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi (foto), e il commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, Giovanna Cagliostro.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione