CATANIA, FERMATA UNA DONNA PER IL DELITTO DI YLENIA. È UN’AMICA CHE CONFESSA: “ABBIAMO LITIGATO, HO PRESO IL COLTELLO E…”

"Non volevo che facesse abuso di crack, non volevo che continuasse a drogarsi. Abbiamo avuto l'ennesima discussione, lei mi ha aggredito e io ho reagito". Ha confessato Daniela Agata Nicotra (foto), la donna di 34 anni che mercoledì ha colpito con un coltello da cucina Ylenia Bonavera. Ieri sera, si è presentata alla squadra mobile assieme al suo avvocato, Giovanni Chiara, ed è stata interrogata dai pm Michela Maresca e Fabrizio Aliotta, che nella notte hanno emesso un provvedimento di fermo per la donna. È accusata di omicidio.

È una storia drammatica di degrado quella che emerge dalla lunga confessione. Si intrecciano le vite di due donne nella Catania del centro storico stretto nella morsa di droga e prostituzione. "Eravamo amiche - ha ripetuto l'indagata, una spogliarellista, adesso in carcere - e io volevo aiutarla. Ma quella sera lei mi ha colpito ad un occhio, io ho reagito correndo in auto e prendendo un coltello che mi portavo dietro perché qualche tempo prima mi avevano rapinata". Quella lite è finita in un video fatto da un automobilista di passaggio (che pubblichiamo), video anche questo finito agli atti della squadra mobile diretta da Marco Basile. Così si è consumata l'ultima sera di Ylenia, sempre in fuga da qualcosa, alla ricerca di una felicità che le sembrava impossibile: "Il mondo è perso", aveva scritto in uno dei suoi ultimi post su Facebook. L'ultima sera fatta di cocaina e alcol prima della lite. L'ultima sera in cui continuava però a sperare in un cambiamento possibile. "Era sempre allegra Ylenia - ha scritto un'amica su Facebook - e non si rassegnava al male attorno a lei".

IL VIDEO

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione