Csm, Ardita ricorda in plenum il giudice Giovanni D’Urso: ”Abbandonato dallo Stato”

16 Dicembre 2020 Mondo News

"Quaranta anni fa, il 12 dicembre 1980, le Brigate Rosse rapirono Giovanni D'Urso, magistrato direttore dell'ufficio detenuti del ministero della Giustizia. D'Urso venne più volte 'interrogato' dai terroristi: per il suo silenzio venne condannato a morte e rischiò di essere ammazzato".E’ con queste parole che il consigliere togato del Csm, Sebastiano Ardita, in apertura del plenum di oggi, ha ricordato il giudiceGiovanni D'Urso (in foto), sottolineando che "dopo qualche giorno il Governo in modo unilaterale decise di chiudere il carcere dell'Asinara, ma quando le Br, in cambio del suo rilascio, chiesero molto più banalmente di pubblicare alcuni comunicati sui giornali tutti si opposero fermamente. Nanni rimase solo, con l'eccezione di Marco Pannella che mise a sua disposizione lo spazio tv del partito Radicale, nel corso del quale la figlia Lorena lesse quei comunicati, in cui il padre veniva definito 'boia', facendo commuovere l'Italia intera. Nanni fu poi rilasciato e concluse la carriera come presidente della prima sezione della Cassazione, ma si ammalò e morì prematuramente". Come ha ricordato il consigliere, al funerale di D’Urso "mi recai mentre occupavo il posto di direttore dell'ufficio detenuti che gli era appartenuto. A quella cerimonia era presente qualche decina di persone, solo parenti e amici più stretti. A parte 4 colleghi della Cassazione, lo Stato era assente: non vi era neppure una corona, una divisa o una figura istituzionale a rappresentarlo. Nanni - ha aggiunto - tenne un comportamento eroico ad occupare un posto dopo che due direttori erano stati uccisi, Girolamo Tartaglione e Girolamo Minervini, e a resistere 40 giorni al rapimento, agli interrogatori ed alla tortura psicologica della condanna a morte da eseguire. Oggi - ha concluso il magistrato - niente lo ricorda: né una via, neppure una sperduta sala di uno spaccio per agenti porta il suo nome. La vita di Giovanni, il suo abbandono in prigionia, la sua dimenticanza, rappresentano una mancanza imperdonabile per le Istituzioni".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione