Raccolta differenziata in centro, quattro associazioni si ribellano: Una ordinanza assurda da revocare

18 Dicembre 2020 Politica

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di quattro realtà associative sull'ordinanza sindacale sulla raccolta differenziata in centro città. 

"L'ordinanza sindacale riguardante il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti nell'area centro della città presenta aspetti talmente illogici e difficilmente concretizzabili, tanto da far pensare ad una delle tante "astrusita' regolamentari" cui siamo stati abituati, o, in questo caso, ad una sorta di "fumus persecutionis" nei confronti dei tanti cittadini che risiedono o svolgono la loro attività lavorativa in questa vasta area della città di Messina. Per cui, per cercare di sopperire alla mancanza di un autentico sistema di ciclo integrato dei rifiuti, che si fondi sulla filiera del riuso e del riciclo e che presuppone le infrastrutture necessarie, si escogita un sistema artigianale cervellotico, adottato nei piccoli comuni fino a diversi decenni fa, che scarica la responsabilità di un servizio pubblico sui cittadini, i quali, per poter fruire del servizio stesso, pagano la tariffa di settore più alta applicabile.

E così viene fuori una ordinanza che coinvolge i cittadini del centro che risiedono o lavorano in edifici che non dispongono di spazi condominiali per il posizionamento di carrellati e di contenitori per i rifiuti. Cittadini che tutte le sere, nel periodo di sole due ore, dalle 20 alle 22, dovranno depositare vari sacchetti di plastica con i rifiuti differenziati, compreso eventuale materiale sanitario, davanti o accanto gli ingressi dei loro condomini; cioè sui marciapiedi di vie, stradine e piazzette di utilizzo pubblico, e ciò anche se davanti o accanto ai portoni di tali edifici insistono esercizi commerciali, ed anche locali vari che sono stati autorizzati ad utilizzare ed occupare spazi esterni. Inoltre viene "ordinato" che il carrellato per l'umido debba essere posto tutte le sere in prossimità del portone di ingresso degli stessi condominii, e poi, anche se maleodorante e potenzialmente portatore di virus e germi, deve essere ritirato e riposizionato negli androni degli isolati da parte (riportiamo testualmente quanto prescritto nell'ordinanza) "del condominio", cioè da parte di un soggetto non identificato, a meno che i fantasiosi estensori dell'ordinanza non abbiano prefigurato una nuova figura di "amministratore di condominio-portinaio-operatore ecologico". È evidente come tali disposizioni cozzino con qualsiasi tipo di processo razionale e non tengano conto minimamente della particolare struttura urbanistica del centro e del centro storico cittadino, che rischiano, con il deposito contemporaneo di migliaia di sacchetti di rifiuti, esposti per ore in mezzo alla strada e sui marciapiedi, di essere trasformati in una diffusa pattumiera con problemi sul piano igienico e sanitario, aggravati dal particolare periodo di contagio che stiamo vivendo, ed anche sul piano del decoro urbano. Per tali considerazioni, prima di dare luogo ad un servizio dispendioso, inefficiente, ed inefficace e che procurera' ai cittadini ulteriori costi, sarebbe opportuno revocare questa ordinanza prima che possano verificarsi i suoi effetti deleteri. Individuando invece meccanismi piu adeguati per un autentico e moderno sistema di raccolta porta a porta, partendo dal presupposto che, per tutte le scelte operative che prevedono un loro ruolo diretto, vanno coinvolti i cittadini e le realtà che li rappresentano".

Gruppo di iniziativa civica "RispettoMessina"

Federconsumatori Messina

Associazione Centro Storico Messina

Comitato Civico "Centro Storico Vivibile"

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione