E’ morto Daniele Millimaggi, ex bancario, scrittore di gialli e romanzi storici

22 Dicembre 2020 Culture

E’ difficile dire addio ad un amico, un caro collega, legato alla sua famiglia, col quale abbiamo avuto la fortuna di fare un pezzo di strada. Salutiamo con tristezza il nostro Capitano..”. Così Michele Salvo (socio editore di Tempostretto) vuol ricordare Daniele Millimaggi, deceduto nelle scorse ore.

Daniele Millimaggi è nato a Messina nel 1955. È stato Quadro Direttivo di un’importante Banca italiana e ha svolto gran parte del suo Servizio tra Taormina e Messina. Le sue prime esperienze in politica si maturano ne­gli anni di piombo del terrorismo rosso e nero; gli anni dei servizi segreti deviati,  della massoneria di Gelli. Ri­cordando quei fatti, ha pubblicato nel 2015 il suo primo romanzo grazie al quale ha vinto, nel 2016, il Premio na­zionale “Il Mistero del Moai” per la narrativa e nel 2018 il 1° premio per il libro edito, al VI Concorso Letterario Internazionale Città di Sarzana. Sempre per questo vo­lume ha conseguito la Menzione speciale al II concorso letterario (La Quercia del Myr”).

Nel 2017 ha pubblicato un libro di poesie sue e del padre Libero, con il titolo Io e mio padre diario di una vita e mezza. E’ stato inserito in un’antologia di poeti contemporanei letti dal critico letterario, regista ed attore Alessando Quasimodo. Negli ultimi anni ha raccolto testimonianze per la scrittura di un romanzo storico che ricordasse gli anni del confine politico a cui era stato obbligato dal fascismo il nonno Vanni.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione