Emilia Barrile da oggi è una donna libera. Revocata la misura cautelare degli arresti domiciliari dopo due anni e cinque mesi

22 Dicembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Di Edg - La Corte d'Appello, presidente Tripodi (consiglieri Daria Orlando e Luana Lino), ha disposto la revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dell'ex presidente del consiglio comunale di Emilia Barrile, condannata nel processo d'appello 'Terzo Livello' a 4 anni.

Tra le motivazioni addotte dai giudici della Corte d'appello, che hanno accolto l'istanza di annullamento della misura di custodia del suo difensore, l’avvocato Salvatore Silvestro (nonostante il parere contrario del procuratore generale), la forte riduzione di pena rispetto alla sentenza di primo grado (8 anni e 4 mesi) e il tempo trascorso dall'esecuzione della misura, due anni, quattro mesi e venti giorni, in quanto "non più adeguata".

LA SENTENZA D'APPELLO.

Si è concluso il 16 dicembre scorso il processo d'appello relativo all'inchiesta 'Terzo Livello' che vedeva sedici imputati, professionisti, imprenditori, politici ed esponenti della criminalità, che gestivano la cosa pubblica messinese, al centro di una clamorosa vicenda giudiziaria.

Il quadro delle condanne inflitte si era ridimensionato di molto, con condanne quasi tutte dimezzate e tre assoluzioni totali.

L'ex presidente del consiglio comunale Emilia Barrile è stata condannata a 4 anni di reclusione con tre assoluzioni parziali, perchè il fatto non sussiste, dai reati a lei ascritti ai capi a, b ed e (è stata assolta da un episodio di traffico illecito di influenze, dall’accusa di rivelazione di segreto d’ufficio in concorso, trasformando l’accusa di induzione indebita in quella meno grave di traffico di influenze), stessa pena per il commercialista Marco Ardizzone; e poi Giovanni Luciano a 1 anno e 8 mesi; Carmelo Pullia, un anno e 8 mesi; Antonio Fiorino, 1 anni e 4 mesi; Daniele De Almagro, 1 anni e 3 mesi; Vincenzo Pergolizzi, 2 anni e 8 mesi; Carmelo Cordaro, 1 anno e 6 mesi; Michele Adige, 1 anno e 6 mesi; Vincenza Merlino, 1 anno e 6 mesi; Teresa Pergolizzi, 1 anno e 6 mesi; Stefania Pergolizzi, 1 anno e 6 mesi; Sonia Pergolizzi, 1 anno e 6 mesi.

Pena sospesa per Luciano, De Almagro, Cordaro, Adige, Fiorino, Merlino, Stefania, Sonia e Teresa Pergolizzi.

Assolti completamente l'ex consigliere provinciale Francesco Clemente, per non aver commesso il fatto, e gli imprenditori Angelo e Giuseppe Pernicone (perché il fatto non sussiste). 

Dieci le assoluzioni parziali che hanno riguardato Barrile, Ardizzone e Fiorino («il fatto non sussiste»), Carbonaro, Adige, Merlino, i quattro Pergolizzi («il fatto non sussiste»).

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione