Approvato il Bilancio di Previsione 2021-2023 della Città Metropolitana di Messina. “Secondi in Italia”

24 Dicembre 2020 Politica

Questa mattina, il Commissario Straordinario ing. Santi Trovato, con i poteri del Consiglio Metropolitano, ha approvato il bilancio di previsione 2021/2023 e relativi allegati. della Città Metropolitano di Messina. L’approvazione del bilancio di previsione, che vale complessivamente € 226.766.532,63, è avvenuta alla presenza, del Capo di Gabinetto, dott. Franco Roccaforte, della Dirigente Avv. Anna Maria Tripodo e della Segretaria Generale dell’Ente, Avv. Maria Angela Caponetti collegata in videoconferenza.

La Città Metropolitana approva il proprio strumento contabile, pur in presenza delle enormi difficoltà legate alla epidemia da COVID-19, entro termine stabilito dalla legge del il 31 dicembre,. Si tratta dell’ultimo atto di una intensa attività del Commissario Trovato dal suo insediamento, insoli soli dieci mesi aveva già approvato il bilancio pluriennale 2020/2022 ed il consuntivo 2019. mettendo in sicurezza l’Ente dal punto di vista finanziario e consentendo l’utilizzo di importanti risorse che, pur essendo nella disponibilità  dell’Ente, non erano utilizzabili per la mancanza di bilancio, ma nello stesso tempo è la testimonianza dello straordinario lavoro di reperimento di risorse, di razionalizzazione degli uffici realizzato in questi anni dalla azione politica del  Sindaco Metropolitano Cateno De Luca da una parte e dalla competenza ed efficienza dell’apparato tecnico-amministrativo dell’Ente dall’altra, che hanno consentito tra l’altro la stabilizzazione del personale precario dell’Ente

"Abbiamo ritenuto" ha dichiarato il Commissario Straordinario Santi Trovato, “di accogliere l’invito del Sindaco Metropolitano, Cateno De Luca, di approvare rapidamente la proposta  di bilancio presentato dall’Amministrazione attiva, corredata dal parere unanime del Collegio dei Revisori dei conti composto dal presidente dott Giuseppe Galati , dal dott. Salvatore . Messineo e dal dott. Rosario Vicari.

Un ringraziamento particolare va rivolto al Segretario Generale Avv. Maria Angela Caaponetti e alla dott.ssa  Tripodo che hanno coordinato gli Uffici nella puntuale predisposizione degli atti e nel complesso lavoro di redazione dello strumento finanziario,

Questo Ente può finalmente ricominciare a fare le cose per sui è stato creato: fornire servizi ai cittadini, progettare realizzare infrastrutture per il territorio, fare la manutenzione ed assicurare la sicurezza delle scuole superiori e strade”provinciali.

Un risultato di rilievo quello ottenuto dalla Città Metropolitana di Messina che stamane ha approvato il Bilancio di Previsione 2021-2023.

Soddisfazione per il risultato ottenuto da Palazzo dei Leoni e stata espressa dal Sindaco Metropolitano, dott. Cateno De Luca, che grazie ad una politica di rigore finanziario e di tagli agli sprechi in appena due anni ha messo in sicurezza l'Ente.
"A soli due anni dall’insediamento nella qualità di Sindaco della Città Metropolitana di Messina, oggi 24 dicembre 2020, possiamo serenamente sostenere che abbiamo rimesso in piedi un Ente fallito. Il 2019 è stato un anno di grande impegno e sacrificio politico-amministrativo nel quale abbiamo rimesso in bonis l’apparato amministrativo dell’Ente e per la prima volta, dopo 3 anni, siamo riusciti a predisporre il Bilancio triennale 2020-2022 che ha visto la Città Metropolitana di Messina essere stata la quinta Città Metropolitana in Italia ad aver approvato il suo Bilancio di previsione. Un doveroso ringraziamento va agli Uffici della Città Metropolitana che hanno supportato in maniera puntuale l’intera strategia contabile che si è voluta imprimere all’Ente e che ha prodotto questo storico risultato. Lo stesso sincero e sentito ringraziamento per il risultato ottenuto va al Commissario dell’Ente ing. Santi Trovato che con puntualità ha seguito tutte le fasi amministrative degli atti che oggi segnano in maniera indissolubile la rinascita economico-gestionale dell’Ente. La Città di Messina è la seconda in Italia dopo la Città Metropolitana di Bologna, che ha approvato il suo Bilancio solo ieri pomeriggio, ad aver approvato il suo Bilancio di Previsione 2021-2023.

Un Bilancio che vale complessivamente 226.766.532,63 euro e che, al suo interno, come dettagliatamente rappresentato nel Documento Unico di Programmazione, prevede investimenti per complessivi 65 milioni di euro così ripartiti: manutenzione straordinaria strade euro 9.027.000,00; interventi di edilizia scolastica per euro 32.398.000,00; interventi destinati alla realizzazione di ciclovie per euro 741.000,00; interventi da destinare alle aree rete viaria secondaria Sicilia euro 14.470.000,00; interventi relativamente alle opere del Masterplan/Patto per il Sud euro 22.800.000,00; interventi relativi al Patto per lo Sviluppo da destinare al progetto 'aree strategiche' per euro 8.500.000,00. Ulteriore importante risultato raggiunto con l’approvazione del Bilancio 2021-2023 è la copertura contabile dell’ultima rata del disavanzo di amministrazione registrato nell’anno 2018, che era in totale di euro 15.988.454,89, una copertura finanziaria che rimette definitivamente in bonis la gestione economica della Città Metropolitana.

Desidero evidenziare che in questi giorni, parallelamente alla definizione ed all’approvazione del Bilancio, sono state poste in essere le azioni di stabilizzazione dei precari storici della Città Metropolitana, un'azione che, senza i documenti contabili in regola, non avrebbe potuto essere posta in essere. Due anni di intenso lavoro - ha concluso il Sindaco Metropolitano dott. Cateno De Luca - che hanno sancito in maniera chiara come la buona amministrazione sia superiore alla cattiva politica...essere la seconda Città Metropolitana in Italia ad aver approvato il suo Bilancio di Previsione, venendo dal collasso di un fallimento, è la vera risposta che questa Amministrazione ha dato nei fatti alle sterili critiche di chi agisce con le parole e mai con i fatti".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione