Celebrate le iniziative in memoria del 112esimo Anniversario del Terremoto del 1908

28 Dicembre 2020 Cronaca di Messina

È stato il video dal titolo “28 Dicembre 1908. Corrispondenze e testimonianze del Terremoto che distrusse Messina” ad aprire alle ore 5.21, dalla pagina facebook del Sindaco e del Comune di Messina, le Commemorazione del 112° Anniversario del Terremoto.

Il docu-film, con migliaia di visualizzazioni già alle prime ore di stamattina, prodotto da PVK Production con il patrocinio del Comune di Messina, curato per il montaggio da Antonio Grasso e Nico Pandolfino, è stato realizzato con la partecipazione di sei giornalisti messinesi che, in rappresentanza della Stampa locale, hanno interpretato gli articoli scritti dai cronisti della Stampa Nazionale, giunti a Messina tra gennaio e febbraio del 1909.

A nome dei colleghi messinesi, hanno preso parte alle riprese Saro Pasciuto (Rtp), Nuccio Anselmo (Gazzetta del Sud), Simona Arena (TCF), Rosaria Brancato (Tempo Stretto), Eduardo Abramo (TGMessina) e Valeria Brancato (Radio Taormina) che hanno letto i testi di Luigi Barzini, Guelfo Civinini e Ada Negri del Corriere della Sera, Domenico Oliva e Guido Mazzoni del Giornale d’Italia e Jean Carrere corrispondente a Roma del giornale francese LE TEMPS. Introdotto dal messaggio del Sindaco Cateno De luca e da una chiave di lettura dall’Assessore alla Cultura Enzo Caruso, il video presenta aspetti poco approfonditi e mai presi in considerazioni come la perdita di una identità causata dalla distruzione dei titoli di proprietà e delle anagrafe, la questione dei bambini rimasti orfani, la burocrazia che impediva ai cronisti di documentare la tragedia col rischio di essere accusati di sciacallaggio. Sulle note di “Ora triste” del compositore Riccardo Casalàina interpretata da Cesare Natoli al pianoforte, scorrono filmati e immagini di archivi privati di Egidio Bernava e Nino Principato. Oltre ad essere il racconto di una pagina di storia inedita, il video, con la conclusione dell’Assessore alla Protezione Civile Massimo Minutoli, il video lancia anche un messaggio alla cittadinanza di presa di coscienza dell’appartenere ad un territorio fragile e ad alto rischio sismico, nel quale la Protezione Civile svolge un continuo lavoro di supporto e tutela.

Nel secondo video, curato dal “Comitato 908”, pubblicato online sulla pagina fb “kulturavirus” sono ricordati i nomi di 112 vittime del sisma.
Sono stati tre i momenti celebrativi che si sono susseguiti nel corso della giornata odierna alla presenza del Sindaco Cateno de Luca, del Vice Prefetto Natalia Ruggeri, dell’Assessore alla Protezione Civile Massimo Minutoli e dell’esperto Antonio Rizzo. Alle 9, è stata deposta una Corona d’alloro al Gran Camposanto, in collaborazione con il Comitato Cittadino “100 Messinesi per Messina 2Mila8”; alle 10.45, il Sindaco De Luca, alla presenza di Mons. Giuseppe La Speme, del Vice Prefetto Natalia Ruggeri e dell’Assessore Minutoli, in collaborazione con l’Associazione Culturale “Messina Sacra” presieduta da Giacomo Sorrenti, ha scoperto la lapide commemorativa ai piedi della Colonna Votiva in Piazza Immacolata di Marmo, eretta nel 1958 in occasione del 50° Anniversario del terremoto; infine, alle ore 11.45 in collaborazione con il Consolato onorario delle Federazione Russa e l’Arciconfraternita dei Catalani, è stato reso omaggio al Monumento ai Marinai Russi con la deposizione di una Corona d’alloro da parte del Comune di Messina.

Gli appuntamenti in programma per la Sezione “28 Dicembre 1908. Commemorazione del 112° Anniversario del terremoto”, nell’ambito degli eventi natalizi organizzati dal Comune, proseguono domani, con “DANZAEMOTUS. In memoria del terremoto del 28 dicembre”, prodotto da Studio danza. Lo spettacolo di danza sarà trasmesso alle 18, in streaming sulla pagina fb “Kulturavirus, gestita dal Comune di Messina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione