COMUNE: La durissima replica di Cardile a De Luca, “Dichiarazioni false, pretestuosi e gravi”

31 Dicembre 2020 Politica

Dopo il post di ieri da parte del sindaco Cateno De Luca (e la risposta di Libero Gioveni), che ha attaccato il Consiglio comunale, arriva oggi la durissima replica del presidente del civico consesso Claudio Cardile,

Ecco la nota:

«Le ennesime astruse dichiarazioni di ieri del Sindaco De Luca durante una delle sue tante dirette Facebook fanno male al Consiglio Comunale che mi onoro di rappresentare. Aver detto che questo Civico Consesso non abbia fatto nulla in merito agli evidenti disservizi dell’ASP è falso, pretestuoso e grave. Lo dimostrano le diverse riunioni di commissione sull’argomento, anche alla presenza dei vertici ASP, l’ultima delle quali si è tenuta giorno 18 dicembre scorso. Guarda caso, proprio in quest’ultima riunione, concordata anticipatamente con il primo cittadino, l’assenza più importante è stata proprio quella del Sindaco De Luca (impegnato in una diretta facebook).

Il Consiglio Comunale è abituato ad affrontare le questioni e denunciare i disservizi nei luoghi istituzionali e non attraverso i social network. Quindi è evidente che questo Consiglio Comunale critica fortemente i disservizi dell’ASP e non ha paura di renderli pubblici. Sono altresì evidenti le gravi responsabilità del governo regionale su questo tema, nonché la grave disorganizzazione dell’ASP. pertanto è chiaro che qualcuno deve intervenire per risolvere il problema anche tagliando qualche testa, se è il caso. Tuttavia non sono comunque condivisibili i metodi che mettono alla berlina persone in pubblica piazza. Dispiace signor Sindaco, ma non vedrà mai la Presidenza del Consiglio Comunale di Messina mandare “aff……” nessuno in diretta facebook (è evidente che si utilizzano metodi differenti).

Ma le parole che hanno ferito di più questa presidenza sono quelle con cui lei ha definito i Consiglieri Comunali “omertosi in un clima di mafiosità”. Questo non può essere accettato e simili accuse le respingo al mittente, invitandola, se ha degli elementi certi, a riferirlo nelle sedi opportune. Qui nessuno nasconde nulla e come è stato detto sopra, nelle sedi istituzionali questo Consiglio ha denunciato pubblicamente i disservizi dell’ASP, con diversi consiglieri di vari schieramenti che non le hanno di certo mandate a dire ai vertici aziendali, anche singolarmente.

È evidente dunque che il Sindaco abbia preso un abbaglio su questa vicenda e che il Consiglio Comunale non abbia mai nascosto i disservizi di un’ASP inadeguata a gestire questa fase gravissima dell’emergenza in cui vi sono famiglie segregate in casa per l’impossibilità di ricevere un tampone, o famiglie sommerse dalla spazzatura perché nessuno va a rimuoverla, o ancora la mancanza assoluta di tracciamento dei contagi.

Pertanto, sig. Sindaco, se lei come massima autorità sanitaria locale, per ragioni che esulano purtroppo dalla sua volontà di migliorare le cose che io e tutti i colleghi le riconosciamo, non riesce ad incidere come vorrebbe, non si scagli contro l’ennesimo “nemico” o capro espiatorio da trovare, piuttosto mediti su come, INSIEME, possiamo incidere istituzionalmente a garanzia della salute dei nostri concittadini. Buon anno”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione